Mafia: marcia per la legalità a Pachino dopo le minacce a Borrometi - QdS

Mafia: marcia per la legalità a Pachino dopo le minacce a Borrometi

redazione

Mafia: marcia per la legalità a Pachino dopo le minacce a Borrometi

giovedì 12 Aprile 2018 - 17:00
Mafia: marcia per la legalità a Pachino dopo le minacce a Borrometi

Tutti stretti intorno al giornalista, che i boss stavano progettando di uccidere. Una seduta di Giunta comunale aperta alla gente e la firma di un protocollo contro le infiltrazioni mafiose. Il sindaco Bruno, "La città ha dato una fondamentale testimonianza di reazione civile"
 

Istituzioni, forze dell’ordine, scuole, associazioni, parrocchie e imprenditori in marcia per la legalità questa mattina a Pachino.
Il corteo è stato organizzato dal Comune dopo le minacce di morte subite dal giornalista Paolo Borrometi, nei cui confronti era stato pianificato un attentato, e gli episodi criminali che hanno colpito aziende e commercianti nelle ultime settimane.
La marcia è partita da via Curcio, dove ha sede l’azienda "Fortunato srl" che a marzo ha subito un attentato incendiario, e ha attraversato le strade della città passando davanti la sede del Comune per chiudersi poi in piazza Vittorio Emanuele.
In via Curcio la giunta comunale ha approvato simbolicamente il protocollo di legalità che rafforza i controlli per evitare infiltrazioni criminali nelle gare d’appalto e le procedure di affidamento dei servizi.
Il provvedimento sarà poi ratificato nella prossima riunione della giunta. Il consorzio di tutela ha invece approvato il "codice etico" mentre i commercianti si sono impegnati a denunciare tentativi di estorsione dai clan criminali.
"Questa marcia è un punto di partenza, non di arrivo – ha dichiarato il sindaco di Pachino Roberto Bruno – la città ha dato una fondamentale testimonianza di reazione civile".
Al termine della marcia è poi iniziata una seduta aperta del consiglio comunale proprio sugli attentati e gli episodi criminali che hanno colpito Pachino negli ultimi mesi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684