Ars: Commissione Bilancio approva la Manovra - QdS

Ars: Commissione Bilancio approva la Manovra

redazione

Ars: Commissione Bilancio approva la Manovra

sabato 21 Aprile 2018 - 09:00
Ars: Commissione Bilancio approva la Manovra

La commissione Bilancio dell'Ars ha approvato la manovra finanziaria. Il via libera è arrivato intorno alle nove del mattino dopo una maratona notturna. A votare i documenti è stata la maggioranza, contrari M5s e Pd. La soddisfazione di Musumeci.  Il M5s parla di mercimonio, il Pd di "coriandoli". La manovra sarà incardinata in aula lunedì quando saranno date 24 ore di tempo per gli emendamenti; l'esame degli articoli a Sala d'Ercole inizierà martedì

La commissione Bilancio dell’Assemblea regionale ha approvato, dopo una lunga maratona notturna, la manovra finanziaria.
Il via libera è stato dato dalla Commissione intorno alle nove del mattino.
A votare i documenti è stata la maggioranza di centrodestra che sostiene il presidente della Regione Nello Musumeci.
Contro hanno votato il M5s e il Pd.
"Esprimo sincero apprezzamento per il lavoro portato avanti da tutta la commissione, ad iniziare dal suo presidente, e per il risultato ottenuto nel rispetto dei ruoli di coalizione di governo, e di opposizione" ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci, a proposito dell’approvazione.

"Spero che lo stesso clima si ritrovi in aula – ha aggiunto Musumeci – dove il governo sarà pronto a ricevere proposte e suggerimenti sulla manovra. Ci muoviamo in un contesto assai difficile per la penuria di risorse, ma abbiamo l’entusiasmo di chi vuole tirare fuori la Sicilia dal pantano, e vogliamo farlo con la collaborazione di tutto il Parlamento".
Di parere contrario le opposizioni.
"Definire suq quello che è avvenuto la notte scorsa in commissione bilancio – ha detto la capogruppo del M5s all’Ars Valentina Zafarana – è riduttivo, per questo chiaramente abbiamo bocciato la manovra. Abbiamo assistito sino alle 8 di questa mattina a un vero e proprio mercimonio con centinaia di emendamenti ad personam che i deputati della maggioranza dell’Ars hanno messo sul tavolo soltanto per difendere e promuovere interessi personali e specifici. Noi siamo riusciti comunque a farci approvare emendamenti di buon senso, utili ad aiutare le fasce più deboli, i comuni, la cultura, la sanità ed il terzo settore. Ora battaglia strenua in aula".
"Questa manovra è una somma di coriandoli lanciati da un governo e da una maggioranza senza idee" ha detto Giuseppe Lupo, presidente del gruppo Pd.
"Hanno smarrito la bussola – ha aggiunto – e non hanno un progetto per la Sicilia, per questo in commissione Bilancio il Pd ha votato contro".
"Le norme apprezzabili – ha detto ancora Lupo – sono quelle proposte dal Pd, in particolare l’estensione della platea dei beneficiari del Rei (Reddito di Inclusione), le misure antiracket ed antiusura, il sostegno ai Comuni grazie all’incremento del fondo per gli investimenti e grazie alla norma che permette anche ai Comuni al di sotto dei 50 mila abitanti sciolti per infiltrazioni mafiose di accedere ai vantaggi previsti per le ‘Zone franche della legalità’.
"Ci siamo battuti – ha detto ancora Lupo – per impedire i tagli alla Cultura, per sostenere il capitolo destinato ai disabili, per inserire misure per l’agricoltura. In Aula lavoreremo per correggere una manovra che, così com’è, non è certamente in grado di sostenere la crescita economica, sociale ed occupazionale della Sicilia".
Intanto, con l’approvazione di stamattina, è stato rispettato finora il calendario dei lavori stabilito dalla conferenza dei capigruppo, che prevedeva che la commissione approvasse il testo nella serata di venerdì.
La manovra sarà incardinata in aula lunedì quando saranno date 24 ore di tempo per gli emendamenti; l’esame degli articoli a Sala d’Ercole inizierà martedì.
Intanto si è appreso che nel corso dei lavori è stato approvato all’unanimità dalla commissione Bilancio dell’Ars e col parere favorevole del Governo un emendamento del deputato regionale Cateno De Luca che stanzia 20 milioni per la città di Messina per interventi per combattere l’emergenza idrica.
Lo ha reso noto lo stesso De Luca.
Soddisfatto del voto il deputato di Sicilia Vera, che ha detto: "si avvia a soluzione finalmente la vergognosa vicenda dell’acqua prelevata a Fiumefreddo e poi portata a Messina con oltre 70 km di condotta. Un meccanismo costosissimo, ormai fatiscente per i continui smottamenti e la carenza di manutenzione".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684