Sanità: un altro infermiere aggredito a Palermo - QdS

Sanità: un altro infermiere aggredito a Palermo

redazione

Sanità: un altro infermiere aggredito a Palermo

giovedì 03 Maggio 2018 - 09:00
Sanità: un altro infermiere aggredito a Palermo

Colpito la notte scorsa con pugni in testa da tre persone nel Pronto soccorso dell'ospedale Cervello l'addetto ad assegnare i codici di priorità d'emergenza, il cosiddetto triage. Cresce la paura. Il sindacato, "Denuncia d'ufficio dai direttori generali e arresto in flagranza di reato"

Un infermiere del triage al pronto soccorso dell’ospedale Cervello a Palermo è stato aggredito la scorsa notte da tre persone che lo hanno colpito con alcuni pugni in testa.
Il dipendente dell’ospedale è addetto ad assegnare i codici di priorità dei pazienti che si presentano nell’area di emergenza.
Dopo una discussione animata i tre hanno circondato l’infermiere e lo hanno colpito ripetutamente.
La vittima è stata medicata, ma ha annunciato che non denuncerà i suoi aggressori.
"Il personale delle aree d’emergenza e degli ospedali siciliani – ha commentato il segretario generale della Fials sanità Enzo Munafò – ormai è terrorizzato. Gli episodi di aggressione si susseguono con un ritmo assurdo e inaccettabile".
"Si tratta, in taluni casi – ha aggiunto il sindacalista – di vere e proprie spedizioni punitive messe in atto da energumeni come quella di ieri sera e in queste condizioni non basta neanche la presenza di una guardia giurata".
Secondo Munafòa occorre un cambio di passo nella lotta alla violenza contro i camici bianchi.
"A denunciare – ha detto – non devono essere chiamate le vittime delle aggressioni che sempre più spesso hanno paura di ulteriori ritorsioni, ma devono essere i direttori generali delle aziende nella loro qualità di responsabili della sicurezza del personale. La denuncia deve scattare quasi come un atto d’ufficio".
"Serve – ha concluso – una modifica della normativa in modo che le forze dell’ordine procedano all’arresto in flagranza di reato. Solo se i violenti si vedranno ammanettare sul posto davanti a tutti si potrà mettere un argine a questa barbarie".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684