Corruzione all'Ispettorato di Catania: l'indignazione della Cgil - QdS

Corruzione all’Ispettorato di Catania: l’indignazione della Cgil

redazione

Corruzione all’Ispettorato di Catania: l’indignazione della Cgil

giovedì 03 Maggio 2018 - 10:00
Corruzione all’Ispettorato di Catania: l’indignazione della Cgil

Per il sindacato anni di denunce contro lavoro nero e incidenti sul lavoro ora hanno una chiave di lettura che passa dalla corruzione, con funzionari come consulenti delle aziende non in regola ai danni di tutti i contribuenti

"Gli arresti e le indagini della Guardia di Finanza che hanno coinvolto a Catania l’Ispettorato del Lavoro, ex rappresentanti istituzionali e figure apicali dell’Asp, non solo ci colpiscono nella nostra veste di singoli cittadini ma ci addolorano e ci indignano".
Lo afferma la Cgil di Catania sull’operazione ‘Black job’ ricordando "anni di battaglie" del sindacato "contro il lavoro nero e la piaga degli incidenti sul lavoro causati da mancati controlli o mancate applicazioni della legge".
"Adesso – aggiunge la Cgil – hanno una chiave di lettura che passa dalla corruzione, dalla ‘messa a disposizione’ dei funzionari nei confronti delle imprese non in regola quasi alla pari di consulenti retribuiti e non di controparte, di annullamento della privacy dei lavoratori e dei loro diritti di base, di attacco anche alla tasche di tutti i contribuenti".
"Nella nostra veste di rappresentanti dei lavoratori – aggiunge il sindacato – ci affidiamo alla magistratura e ringraziamo ancora una volta gli inquirenti per il lavoro svolto a tutela della legalità. A Catania è necessario un cambio di passo etico, prima ancora che civico. La Cgil, che quest’anno ha persino dedicato la Festa del Primo Maggio al tema imponente è urgente della sicurezza sul lavoro, continuerà a fare la sua parte a fianco dei lavoratori, a testa alta".
"La lotta continua – chiosa la Cgil – e si fa ogni giorno".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684