Corruzione all'Ispettorato di Catania: Zuccaro, "Situazione devastante" - QdS

Corruzione all’Ispettorato di Catania: Zuccaro, “Situazione devastante”

redazione

Corruzione all’Ispettorato di Catania: Zuccaro, “Situazione devastante”

giovedì 03 Maggio 2018 - 10:30
Corruzione all’Ispettorato di Catania: Zuccaro, “Situazione devastante”

Il Procuratore etneo, "Funzionari pubblici al servizio dei privati". Il pm Regolo, "Mercimonio della funzione pubblica". La Finanza, "Alzato velo su un sistema, inchiesta sviluppata anche grazie alla collaborazione di funzionari onesti"
 

"Ci sono funzionari pubblici che invece di fare gli interessi della comunità si mettono al servizio dei privati. E’ una situazione devastante: imprese che hanno appoggi politici e amministrativi grazie all’amico ‘buono’ riescono a ottenere illeciti benefici, mentre imprese oneste guardano attonite quello che accade".
Lo ha detto il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, durante la conferenza stampa sull’operazione ‘Black Job’.
Il sostituto Fabio Regolo, che coordina il pool sulla pubblica amministrazione, ha parlato di "mercimonio della funzione pubblica" in un settore che "ha una forte responsabilità sociale", ricordando che alcuni degli indagati "erano già stati accusati in passato di analoghi reati".
"Ma a fronte di questi casi – ha sottolineato – ci sono migliaia di dipendenti pubblici onesti, come quelli che hanno collaborato alle indagini".
"Abbiamo alzato il velo – ha commentato il comandante provinciale della Guardia di finanza di Catania, generale Antonio Quintavalle Cecere – su un sistema corruttivo sistemico ai vertici di una struttura pubblica. Ma l’inchiesta si sviluppa anche grazie alla collaborazione di funzionari onesti che hanno spiegato i meccanismi delle irregolarità".
"Le indagini – ha aggiunto – sono state rapide ed efficaci per dare un colpo al sistema corruttivo e un segnale forte alle persone oneste, che sono la stragrande maggioranza".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684