Corruzione all'Ispettorato di Catania: Forzese, Nicotra e le elezioni comunali - QdS

Corruzione all’Ispettorato di Catania: Forzese, Nicotra e le elezioni comunali

redazione

Corruzione all’Ispettorato di Catania: Forzese, Nicotra e le elezioni comunali

giovedì 03 Maggio 2018 - 13:00
Corruzione all’Ispettorato di Catania: Forzese, Nicotra e le elezioni comunali

Secondo il Gip Giuliana Sammartino l'ex deputato e l'ex consigliere comunale di centrodestra erano "Attivi nel coltivare clientele e crediti politici anche in previsione delle imminenti elezioni Comunali di Catania". I domiciliari "per interrompere i collegamenti ... con i rispettivi contesti politici e clientelari"

L’ex deputato regionale Marco Forzese e l’ex consigliere comunale di Catania Antonino Nicotra "a prescindere dal fatto che rivestano o meno cariche attuali, sono risultati attivi nel coltivare clientele e crediti politici anche in previsione delle imminenti elezioni Comunali di Catania".
Lo scrive il Gip Giuliana Sammartino nell’ordinanza in cui, accogliendo la ricostruzione dell’accusa, dispone gli arresti domiciliari per i due politici nell’ambito dell’inchiesta ‘Black job’.
La Procura aveva chiesto la custodia cautelare in carcere per entrambi, ma il Gip ritiene che la misura meno afflittiva e di divieti conseguenti "appaia sufficiente per interrompere i collegamenti illeciti e lo scambio di utilità con i rispettivi contesti politici e clientelari".
Nel disporre gli arresti domiciliari del direttore dell’ispettorato del lavoro di Catania (anche per lui e la responsabile dell’ufficio legale, Rosa Maria Trovato, i Pm avevano chiesto il carcere), il Gip considera "la posizione apicale" di Domenico Tito Amich, e "il mercimonio sistematico e privo di remore delle sue funzioni perpetuato con abitualità, la spregiudicatezza dimostrata nel fare sparire un fascicolo dal suo archivio dentro la giacca del privato corruttore, nonché la totale disponibilità a strumentalizzare le sue funzioni a beneficio dei politici in vista di un’utilità".
A questo proposito il Gip cita il passaggio di ringraziamento all’ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, grazie al quale aveva avuto la conferma del suo incarico a Catania, contenuto nell’inchiesta: "lei può contare su di me a qualunque livello, lei lo sa benissimo. Soltanto questo ci tenevo a dirle…".
Per i cinque indagati per cui il Gip ha disposto l’interdizione dai pubblico ufficio, professionale o imprenditoriale la Procura aveva chiesto gli arresti domiciliari.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684