Rifiuti: Crocetta indagato per l'emergenza del 2016 - QdS

Rifiuti: Crocetta indagato per l’emergenza del 2016

redazione

Rifiuti: Crocetta indagato per l’emergenza del 2016

mercoledì 09 Maggio 2018 - 17:00
Rifiuti: Crocetta indagato per l’emergenza del 2016

L'ex presidente della Regione, "Sono tranquillo, agii secondo legge e ho chiesto di essere ascoltato". Il reato ipotizzato dalla Procura di Palermo è quello di abuso in atti d'ufficio. Nell'inchiesta coinvolta una ventina di persone tra cui funzionari regionali e il dirigente Maurizio Pirillo

L’ex presidente della Regione Rosario Crocetta è indagato insieme a una ventina di persone, tra cui funzionari regionali e il dirigente Maurizio Pirillo, per la gestione dell’emergenza rifiuti che, nell’estate del 2016 interessò l’Isola.
Il reato ipotizzato dalla Procura di Palermo è di abuso in atti d’ufficio.

I pm contestano a Crocetta l’avere autorizzato con ordinanze urgenti il conferimento in alcune discariche catanesi di oltre 6900 tonnellate di rifiuti.
Procedura che per il governatore sarebbe stata giustificata dall’emergenza sanitaria in corso.
Ma per i magistrati Crocetta avrebbe agito senza i pareri previsti dalla legge.
Inoltre autorizzando in deroga il conferimento di quantità di rifiuti superiori a quelle previste dalle norme avrebbe consentito ai gestori delle discariche di aumentare i guadagni.
"Ho chiesto al pm – ha detto Crocetta – di essere ascoltato: io ho autorizzato semplicemente l’impianto mobile di biostabilizzazione dei rifiuti a Lentini sulla base di una intesa col ministero per superare l’emergenza, con 2.500 tonnellate di spazzatura che era per le strade e con una grave situazione sanitaria e un danno per l’immagine e l’economia della Sicilia".
"Sembrerebbe – ha aggiunto – che nella discarica di Lentini siano state realizzate opere in cemento ma io non le ho mai autorizzate, su questo non c’è dubbio. Ho agito secondo la legge e per consentire alla Sicilia di uscire da una grave emergenza e nell’esclusivo interesse del popolo siciliano".
"La mia coscienza – ha concluso Crocetta – è totalmente tranquilla. Capisco che passata l’emergenza tutti dimenticano il contesto ma a volte un amministratore deve portare la croce per avere fatto il proprio dovere".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684