Corruzione: arresto Montante, parla il procuratore Bertone - QdS

Corruzione: arresto Montante, parla il procuratore Bertone

redazione

Corruzione: arresto Montante, parla il procuratore Bertone

lunedì 14 Maggio 2018 - 13:30
Corruzione: arresto Montante, parla il procuratore Bertone

Il magistrato ha rivelato che l'ex presidente di Sicindustria aveva un archivio informativo che gli serviva per acquisire elementi per paralizzare azioni di contrasto nei suoi confronti. L'uomo chiave era l'ex poliziotto Di Simone. Non formalizzata accusa concorso esterno in associazione mafiosa

Antonello Montante aveva un archivio informativo che gli serviva per acquisire elementi per paralizzare azioni di contrasto nei suoi confronti.
Lo ha detto il procuratore di Caltanissetta, Amedeo Bertone, a margine della conferenza stampa sull’arresto dell’ex presidente di Sicindustria Antonello Montante.
"Il sistema – ha aggiunto – si fonda sul contributo di Di Simone, ex appartenente alla polizia di Stato che grazie all’interessamento di un altro soggetto delle istituzioni era stato ingaggiato da Confindustria e si occupava della sicurezza dell’associazione. Essendo un ex appartenente della polizia di Stato teneva contatti con altri due indagati attraverso i quali acquisiva informazioni. Graceffa lavorando alla questura di Palermo forniva informazioni riservate attraverso l’inserimento nella banca dati delle richieste che il Montante faceva tramite Di Simone"
Nell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’ex presidente di Sicindustria Antonello Montante vi sarebbero anche 22 indagati, non raggiunti da alcuni provvedimento, accusati di aver fatto parte della catena delle fughe di notizie. Tra di loro l’ex presidente del Senato Renato Schifani; l’ex generale Arturo Esposito, ex direttore del servizio segreto civile (Aisi); Andrea Cavacece, capo reparto dell’Aisi; Andrea Grassi, ex dirigente della prima divisione del Servizio centrale operativo della polizia.
"L’accusa di concorso esterno non è stata formulata nella richiesta di misure cautelari in quanto la soglia probatoria non si è ritenuta sufficientemente acquisita a fronte di indicazioni di collaboratori di giustizia che parlano di vicinanza di Montante a personaggi di particolare rilievo della mafia di Serradifalco".
Lo ha detto il procuratore di Caltanissetta, Amedeo Bertone, a margine della conferenza stampa sull’arresto dell’ex presidente di Sicindustria Antonello Montante e di altre cinque persone, dirigenti di Gdf, Cc e Polizia, accusato di aver creato un sistema spionistico-informativo a favore dello stesso Montante.
L’ex presidente di Sicindustria è indagato dal 2014 per concorso esterno in associaizone mafiosa.
"La vicinanza non significa automaticamente la configurazione del reato di concorso in associazione mafiosa" ha aggiunto.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684