Criminalità: sgominata banda delle "spaccate" nel Ragusano - QdS

Criminalità: sgominata banda delle “spaccate” nel Ragusano

redazione

Criminalità: sgominata banda delle “spaccate” nel Ragusano

sabato 19 Maggio 2018 - 08:00
Criminalità: sgominata banda delle “spaccate” nel Ragusano

Cinque i provvedimenti di custodia cautelare emessi dal Gip di Ragusa su richiesta della Procura nell'ambito dell'operazione "Ariete". Presi in esame venti assalti a gioiellerie e negozi. Cinque furti compiuti in una sola notte. Alcuni componenti dell'organizzazione evadevano da domiciliari per rubare
 

La polizia di Ragusa ha sgominato una banda specializzata in rapine e furti con "spaccate".
Sono venti gli assalti contestati agli indagati, con cinque furti commessi in una sola notte tra tentati e consumati.
La tecnica, è emerso da indagini della squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Vittoria, era sempre la stessa: i componenti la banda rubavano auto vecchie e robuste con sistemi di sicurezza obsoleti e le usavano come arieti per sfondare infissi in vetro o saracinesche.
Alcuni degli indagati erano agli arresti domiciliari, ma di notte uscivano di casa per commettere i reati.
Sono cinque le persone destinatarie di un provvedimento cautelare emesso dal Gip su richiesta del procuratore Fabio D’Anna e del sostituto Santo Fornasier.
Si tratta di Rosario Antoci, Salvatore Fidone, Salvatore Giordanella, Gabriele Meli e Giovanni Giliberto.
A fornire i primi indizi utili alle indagini sono state le telecamere di videosorveglianza dei negozi.
Gli investigatori hanno identificato alcuni degli autori e hanno messo sotto controllo i loro telefoni scoprendo che nella banda ciascuno aveva un ruolo preciso: c’era chi si occupava dei sopralluoghi per individuare gli obiettivi – gioiellerie, farmacie, profumerie, parrucchieri, piccoli supermercati e persino panifici – gli addetti ai furti delle automobili e chi coordinava le operazioni. La banda aveva già pianificato una decina di nuovi colpi.
Le "spaccate", secondo quanto accertato, hanno riguardato tutto il territorio ibleo, da Vittoria a Pozzallo passando per Comiso e Chiaramonte Gulfi. Ma la banda è sospettata di aver agito anche nelle province di Catania e Siracusa.
I due magistrati, assieme al questore Salvo La Rosa, e a investigatori della squadra mobile di Ragusa e del commissariato terranno in mattinata una conferenza stampa in Questura.
Giovedì scorso a Pozzallo commercianti, sindacati e società civile avevano manifestato contro il proliferare delle "spaccate".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684