Gela: incendiata auto del vice sindaco - QdS

Gela: incendiata auto del vice sindaco

redazione

Gela: incendiata auto del vice sindaco

giovedì 21 Giugno 2018 - 13:00
Gela: incendiata auto del vice sindaco

Sulla natura dolosa del danneggiamento pare non vi siano dubbi perché sarebbe stato ripreso da una telecamera di videosorveglianza, le cui immagini sono al vaglio di polizia e carabinieri. IN AGGIORNAMENTO
 

Incendiata, a Gela, in provincia di Caltanissetta, l’automobile del vice sindaco, Simone Siciliano.
Siciliano, 44 anni, ingegnere, è titolare di numerose deleghe amministrative tra cui quelle all’Ambiente, allo Sviluppo economico, alle Grandi opere e alle Risorse comunitarie.
L’autovettura, una Jeep Renegade, era parcheggiata sotto l’abitazione dell’amministratore, in via Cicerone nel quartiere Caposoprano.
Le fiamme hanno danneggiato anche la Fiat Panda di un altro condomino dell’edificio la cui facciata è stata annerita dal fumo del rogo.
Sulla natura dolosa del danneggiamento pare non vi siano dubbi perché sarebbe stato ripreso da una telecamera di videosorveglianza, le cui immagini sono ora al vaglio di polizia e carabinieri.(ANSA).
Simone Siciliano è in carica dal 2015 e, forte delle deleghe, svolge un ruolo rilevante nella Giunta capeggiata dal sindaco Domenico Messinese. Quest’ultimo, dopo la propria elezione, ne fece il suo più stretto collaboratore anche dopo che il M5s decise l’espulsione dello stesso Messinese dal movimento.
Senza più sostegno in Consiglio, la Giunta non dispone di maggioranza e governa in un permanente clima di scontro politico.
Il Sindaco ha superato due mozioni di sfiducia solo perché all’ultimo minuto uno dei 12 firmatari si è ritirato facendo mancare il numero minimo di firme.
"L’attentato incendiario di stanotte – ha dichiarato, Siciliano – è il risultato della conflittualità di questo territorio che non aiuta a distendere i toni verso più comprensione, più collaborazione, ma inasprisce il clima politico e arma le mani di qualche disperato o di qualche esaltato".
"Sul piano personale – ha precisato – non ci sono elementi riconducibili a particolari situazioni di esposizione a rischio".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684