La Regione si fa in quattro per i precari - QdS

La Regione si fa in quattro per i precari

redazione

La Regione si fa in quattro per i precari

giovedì 12 Luglio 2018 - 18:00
La Regione si fa in quattro per i precari

Ma si dimentica di 400.000 disoccupati. Impazza il caos e la rabbia dei 2.800 precari ex Pip a cui è stata stoppata la stabilizzazione dal governo nazionale. Le anticipazioni sull'articolo di domani sul Quotidiano di Sicilia

PALERMO – Mentre fuori dai palazzi impazza il caos e la rabbia dei 2.800 precari ex Pip a cui è stata stoppata la stabilizzazione dal governo nazionale, dentro le stanze dei bottoni si sta cercando una via d’uscita formale per tentare di trovare la scappatoia e riuscire in qualche modo a garantire (come da sempre si fa in Sicilia, per puro clientelismo) questa procedura.
All’interno del governo siciliano si sta battendo una doppia strada: una è quella più immediata e riguarda l’apertura di un dialogo con i ministeri interessati (Lavoro e Pubblica amministrazione) per trovare una soluzione che porti alla stabilizzazione.
La seconda potrebbe sfociare nell’apertura di un vero contenzioso: “Il presidente della Regione, Nello Musumeci, – rivela il capogruppo di Forza Italia all’Ars, Giuseppe Milazzo – mi ha assicurato che scriverà all’Avvocatura per chiedere se ci sono i presupposti giuridici per fare ricorso dinanzi la Corte Costituzionale”.
Stiamo parlando di un esercito che a suo tempo era formato da oltre 3 mila lavoratori, che costano 36 milioni di euro l’anno alla Regione, già assoldati dal Comune di Palermo e passati negli ultimi anni nelle mani della Regione perché l’ente municipale del capoluogo siciliano si è trovato in una condizione finanziaria di default.
Dall’altra parte poco o niente si fa per i quasi 400.000 disoccupati che restano ai margini del mercato del lavoro in una Sicilia attenta al mantenimento dei privilegi e delle clientele e sempre più lontana dai giovani.
Domani troverete l’articolo completo sul Quotidiano di Sicilia insieme alla sezione dedicata (“Il lavoro che c’è”) alle offerte di lavoro per i siciliani competenti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684