Catania - Da una parte il traffico caotico e dall’altra i parcheggi sprecati - QdS

Catania – Da una parte il traffico caotico e dall’altra i parcheggi sprecati

Angela Marina Strano

Catania – Da una parte il traffico caotico e dall’altra i parcheggi sprecati

sabato 13 Febbraio 2010 - 00:00

Scarsa sicurezza, i residenti: “Opera inutile”. Il Comune: “Attiveremo una linea di trasporto pubblico”. Due Obelischi, struttura sporca e abbandonata: potrebbe essere snodo dei bus

CATANIA – Nella città di Catania i parcheggi scambiatori dovrebbero aiutare a snellire il traffico, con diminuzione del numero di automobili e la riduzione dei livelli dell’inquinamento acustico e atmosferico. Inoltre, verrebbe meno il problema del posteggio tra le vie cittadine. Invece, molti di questi parcheggi, tra cui quello Due Obelischi, sono perennemente deserti, privi di automobili e bus. I pendolari potrebbero servirsene, lasciando l’auto e prendendo il bus per recarsi al lavoro, ma, alle volte manca la mentalità e la volontà di lasciare la macchina, altre la cura dell’amministrazione.
Nel 2007 è stato dato l’annuncio della fine dei lavori per il parcheggio denominato Due Obelischi. Il progetto aveva due valenze: servire come parcheggio scambiatore e fungere da area attrezzata per la protezione civile in caso di terremoto. Il parcheggio è stato costruito su due aree di 41.987,11 mq in totale, con previsione di essere collegate da un sottopasso. Erano previste anche scale mobili per un alto flusso di persone e scale tradizionali, nonché anse stradali per le fermate di bus navetta. Il piano parcheggi prevedeva 1850 posti auto e 50 bus, per far fronte ad un flusso proveniente dai comuni dell’hinterland catanese (Gravina, Sant’Agata Li Battiati, Trappeto). Ma, ancora oggi, le cose non stanno così.
«Questa – spiega Francesco Condorelli Caff, del Msft – è stata un struttura costruita senza previsioni adeguate. Nel 2008 abbiamo messo in atto una protesta pacifica per ripulire il parcheggio Due Obelischi. Armati di acqua e rastrelli siamo rimasti lì per tre giorni e tre notti, ma senza ottenere alcun risultato. Purtroppo mancano la volontà e i soldi per ripristinare il progetto. Le spese fatte in passato sono state inutili. Oggi ci sono solo peggioramenti e nessun bus».
Il luogo si presenta in completo stato di abbandono, con il degrado del verde pubblico, spazzatura all’interno, scritte sui muri, vetrate rotte, segnaletica d’ingresso distrutta e mancanza di fermate del bus. I residenti, la considerano un’opera inutile e ci spiegano che non esiste neanche la fermata della metro che possa condurre in città senza l’automobile. In più, lamentano la scarsa sicurezza, in quanto in alcuni punti la struttura è aperta e può penetrarvi chiunque.
Il presidente della IV municipalità, Massimo Tempio, ricorda che «Il parcheggio è stato ultimato da circa quattro anni con i fondi dell’Unione Europea, con funzione di area di smistamento. Però non è mai stato utilizzato. Ci sono stati dei tentativi da parte del Comune di incentivare gli automobilisti ad utilizzare il bus, ma non hanno dato alcun risultato. Da presidente della municipalità ho proposto di usufruire del parcheggio Due Obelischi come sede per i mercatini settimanali che avvengono il martedì a Barriera e il venerdì nei pressi di via Leucatia. Ma sto aspettando ancora una risposta. Sarebbe utile realizzare i mercatini all’interno di un’area delimitata lontana dalle abitazioni. Infatti, spesso i residenti lamentano il problema dell’immondizia lasciata dagli ambulanti e la congestione del traffico. So che, essendo stato il parcheggio costruito con i fondi europei, deve mantenere la sua funzione, ma mi chiedo perché non dare delle autorizzazioni speciali come nel caso dei mercatini di Natale svolti nel parcheggio di via S. Sofia. Mi hanno informato che all’interno del parcheggio Due Obelischi c’è scarsa pulizia, poca sicurezza e mi hanno anche detto che lì si appartano le coppiette. Per questo motivo ho inviato una lettera alla Amt che lo gestisce, segnalando la situazione».
Il parcheggio, però non è gestito solo dalla Amt, ma da una task force composta da tecnici comunali e Amt. «I tecnici – informa l’ufficio stampa del sindaco Stancanelli- stanno lavorando per attivare una linea di trasporto pubblico che porterà dal parcheggio Due Obelischi fino a P.zza Stesicoro in 25 minuti. Occorre aspettare i tempi lavorativi».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684