Sicilia: concorrenza anno zero - QdS

Sicilia: concorrenza anno zero

Angela Carrubba e Melania Tanteri

Sicilia: concorrenza anno zero

giovedì 07 Maggio 2009 - 00:00

10 proposte per fare ripartire la Sicilia: seconda puntata.
Liberalizzazioni in Italia. Decreti Bersani i e II convertiti in legge e Decreto legislativo di recepimento direttiva comunitaria 96/92/CE del parlamento e consiglio europeo 19/1291996.
In Sicilia. È stata necessaria una sentenza della Corte costituzionale, che ha respinto il ricorso della Regione, per fare applicare nell’Isola la liberalizzazione della vendita dei farmaci.

PALERMO – Per fare ripartire la Sicilia occorre più concorrenza. Dopo la nostra inchiesta sul turismo, pubblicata mercoledi 15 aprile scorso, si passa ad analizzare un altro settore.
In Italia la liberalizzazione è strettamente collegata al nome di Pier Luigi Bersani che dal 1996 ha ricoperto più volte la carica di ministro nei governi guidati da Romano Prodi. In particolare, il suo nome è collegato alla liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica (1999) e alla legge cosiddetta “Bersani” che si è concretizzata in diversi pacchetti normativi: il primo, il decreto legge 4 luglio 2006, n.223 e la relativa Legge di conversione (legge 4 agosto 2006, n.248) e il secondo, il decreto del 31 gennaio 2007, n.7 e la relativa Legge di conversione del 2 aprile 2007, n.40, "Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese, la valorizzazione dell’istruzione tecnico-professionale e la rottamazione di autoveicoli".

Volendo sintetizzare, la legge Bersani taglia trasversalmente tutti i settori commerciali e dei servizi: dai farmaci alle assicurazioni, dai carburanti al credito, dai taxi ai mutui, dai compensi professionali alle tariffe energetiche, dalle ricariche telefoniche ai prezzi del traffico autostradale.
Confrontando il box di questa pagina che riporta la situazione della possibilità di applicare la liberalizzazione in Sicilia, una cosa che emerge subito è che lo Statuto siciliano prevede all’articolo 17 la possibilità “al fine di soddisfare alle condizioni particolari ed agli interessi propri della Regione” di emanare leggi in tutte le materie che implicano servizi di prevalente interesse regionale. Ma in Sicilia l’attuazione della liberalizzazione voluta dai decreti Bersani non è stata cosa facile. Vuoi perché nell’Isola, come nel resto del Paese, per troppo tempo il potere dei gruppi economici è stato arbitro di scelte che non favorivano gli interessi diffusi, vuoi perché le associazioni siciliane di tutela dei consumatori si sono affermate con ritardo rispetto alle corrispondenti organizzazioni nazionali. E c’è stata la necessità di una sentenza della Corte costituzionale per respingere il tentativo di bloccare l’applicazione della liberalizzazione della vendita dei farmaci.

Non solo sui farmaci la legge stenta ad essere applicata: per quanto riguarda le liberalizzazioni dei prezzi dei carburanti, le compagnie petrolifere, spiegano le associazioni dei consumatori, alla fine non hanno dovuto fare alcuna modifica alla loro struttura societaria. Il governo di tanto in tanto esercita la sua moral suasion e basta. Stesso dicasi per i mutui.
È del 18 luglio del 2007 il rapporto sullo stato di attuazione dei pacchetti Cittadino Consumatore redatto dal Ministero dello Sviluppo Economico in cui sono elencate le parti della legge che hanno trovato una immediata applicazione e le misure che devono ancora dispiegare compiutamente i propri effetti.



1. Abolire i ritardi pagamenti Pa
2. Controllo di gestione di Regione ed enti locali
3. Energia verde
4. Più concorrenza
5. Trasparenza redditi
6. Turismo e immagine
7. Ricerca con Università e imprese
8. Responsabilità dei dirigenti
9. Sanità: curarsi in Sicilia
10. Certificati Ue qualità procedure

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684