Ars, suspense per i nomi dei politici collusi - QdS

Ars, suspense per i nomi dei politici collusi

Raffaella Pessina

Ars, suspense per i nomi dei politici collusi

martedì 13 Aprile 2010 - 00:00

L’audizione del presidente Lombardo potrebbe slittare a mercoledì mattina. Il ministro Alfano accusato di intervenire solo per i potenti

PALERMO – Continuano le polemiche fra i partiti sulle alleanze del presidente della Regione Raffaele Lombardo. Fabio Giambrone coordinatore del partito Italia dei Valori in Sicilia lancia “un appello accorato” al Pd, “perché smetta di fare da stampella alla giunta di Raffaele Lombardo per qualche prebenda e posticino di sottogoverno e recuperi coerenza per stare insieme nel centrosinistra con lo scopo di lavorare a un progetto di alternativa di governo”. L’Idv, poi, ha anche ribadito la richiesta di dimissioni del governatore Lombardo, “perché non ha più la maggioranza che lo ha eletto”. La richiesta delle dimissioni giunge in occasione della dichiarazione di Lombardo di fare oggi in Aula i nomi dei politici collusi. Appuntamento che però potrebbe slittare a mercoledì mattina, per volontà del presidente Cascio, che vorrebbe fare rispettare l’ordine del giorno dell’Assemblea, che prevede l’esame dei due ddl, quello sulla gestione dei beni confiscati alla mafia e le disposizioni sulla partecipazione della Regione al processo normativo dell’Unione Europea.
“Diremo chi sono i politici legati alla mafia e agli affari: dimostreremo che non siamo noi quelli da indagare ma altri” ha detto Lombardo, niente anticipazioni però sui nomi.
Nei giorni scorsi Lombardo aveva anche criticato l’atteggiamento del ministro della Giustizia che, secondo Lombardo, “pratica un garantismo che serve soltanto ai potenti”. Subito era giunta la replica del Guardasigilli: “Preferisco – ha detto Alfano – non commentare le dichiarazioni, sebbene ovviamente da me non condivisibili, di un uomo in difficoltà”. Contemporaneamente ai lavori d’Aula, durante i quali si dovranno approvare Finanziaria e Bilancio entro la fine del mese di aprile, riprendono i lavori nelle commissioni legislative permamenti dell’Assemblea regionale siciliana. In Commissione Affari Istituzionali oggi e domani si discuterà di diversi disegni di legge fra i quali quelli sulle norme in materia di polizia locale e quello sull’ istituzione della figura e dell’ufficio del Garante per ‘infanzia e l’adolescenza. Per queste due materie sono stati presentati diversi documenti, che dovranno essere accorpati dalla Commissione, per redigere un testo unico da far approdare in Aula per l’approvazione. Sempre oggi in commissione Attività produttive si svolgeranno le audizioni sulle problematiche della Miniera di Pasquasia. Domani in commissione Territorio e Ambiente si procederà all’esame del disegno di legge n. 546 (presentato dal Pdl) che contiene alcune norme ch sono rimaste fuori dal cosiddetto “Piano casa”. Oggi in Commissione Lavoro si svolgerà l’Audizione in ordine alle problematiche degli ex lavoratori della Pumex di Lipari.
In Commissione Sanità domani si discuterà delle parti di competenza dei documenti finanziari e dell’interrogazione 1091 (chiarimenti sulla nuova gestione del servizio 118). Braccio di ferro inoltre tra Salvino Caputo (Pdl), presidente della commissione Attività Produttive e il capogruppo del Pdl Sicilia Giulia Adamo sulla richiesta di una commissione di indagine sui rigassificatori di Priolo-Melilli-Gargallo, voluta da Caputo e rifiutata dalla Adamo. Due giorni di riunione previsti per la commissione Unione Europea per l’audizione dei rappresentanti delle Associazioni di cooperative del settore agricolo sul processo di rimodulazione delle linee di intervento relative ai Programmi operativi dei fondi europei. Verranno ascoltati anche Felice Bonanno dirigente generale del dipartimento regionale della Programmazione e Rosaria Barresi dirigente generale del dipartimento Interventi strutturali per l’agricoltura. Infine riunione domani della Commissione Statuto sulle modifiche allo Statuto siciliano e su due progetti di legge costituzionale di modifica da proporre al Parlamento Nazionale.
Oggi l’assessore all’Economia, Michele Cimino, incontrerà alle ore 12.00, la Confcommercio regionale per un ultimo confronto sulla Finanziaria 2010. La riunione si terrà per definire gli emendamenti che riguardano le imprese commerciali, da presentare in commissione Bilancio, prima della trasmissione all’Aula dello strumento finanziario.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684