Catania - Baraccopoli, degrado e proteste. Non ’è pace in corso dei Martiri - QdS

Catania – Baraccopoli, degrado e proteste. Non ’è pace in corso dei Martiri

Melania Tanteri

Catania – Baraccopoli, degrado e proteste. Non ’è pace in corso dei Martiri

martedì 12 Ottobre 2010 - 00:00

Una situazione che crea enormi disagi e ha spinto i cittadini a lanciare l’ennesimo appello al Comune. Tante promesse e buoni propositi, ma i residenti si sentono abbandonati

CATANIA – Una situazione inaccettabile di degrado e pericolo, che ha spinto i residenti della zona di via Sturzo, Marchese di Casalotto, Archimede, corso Martiri della Libertà e De Nicola, costituitisi in comitato, a protestare, raccogliendo l’appello lanciato dal vice presidente vicario del Consiglio comunale, Puccio La Rosa, per denunciare la grave situazione d’illegalità dell’intera area.
La zona, a due passi dalla Stazione centrale e dal centro storico è, infatti, da anni luogo di bivacco, con le naturali conseguenza dal punto di vista igienico–sanitario, luogo di incontro per sbandati, prostitute, abusivi, ubriachi e venditori di merci contraffatte: una vera e propria terra di nessuno dove nessuno sembra avere intenzione di intervenire.
“Dopo l’incontro con i residenti – ha detto La Rosa – abbiamo deciso di dare vita a un comitato promotore per la sicurezza e contro il degrado, al fine di dare risalto e maggiore forza alle iniziative di denuncia già avviate e che avvieremo al fine di garantire il ripristino delle regole e della legalità. Non possiamo tollerare che alla devianza e alla criminalità crescente nell’area si aggiungano, per l’inefficienza e l’incuria dell’amministrazione, vergognose situazioni di degrado urbano e sociale”.
Il riferimento è, innanzitutto, alle numerose baraccopoli presenti nelle aree libere di corso Martiri della Libertà, problema tante volte segnalato e affrontato dalle autorità, ma mai risolto definitivamente; una situazione che crea enormi disagi agli abitanti dei palazzi che si affacciano sui vasti baratri, costretti a convivere con sporcizia, cattivo odore e a subire continue minacce e aggressioni.
A creare difficoltà, però, non solo i bivacchi: marciapiedi divelti o inesistenti, parcheggio selvaggio, prostituzione, randagismo, spaccio di stupefacenti e accattonaggio, sono numerose le problematiche che hanno spinto i residenti a chiedere l’intervento del sindaco e dell’amministrazione.
“Al sindaco che spesso parla di città normale e delle regole – ha continuato La Rosa – chiediamo con forza di ripristinare regole e normalità e intervenire in quest’area con azioni concrete e non solo a parole; in caso contrario si torni a votare per dare alla città un primo cittadino che si interessi realmente dei problemi della città e dei cittadini”.
La Rosa ha dato seguito alla protesta, presentando un formale esposto indirizzato al sindaco e per conoscenza alla Procura della Repubblica, alla Prefettura, alla Questura, al comando provinciale dei Carabinieri e della Guardia di finanza, per denunciare lo stato di degrado e illegalità esistente nell’area.
“Ho provveduto – ha concluso l’esponente del Consiglio comunale – a denunciare la situazione di una zona centralissima della città di Catania. Catania ed i catanesi hanno il diritto di avere normalità, ordine e sicurezza, e i cittadini non possono continuare a subire minacce, violenze, aggressioni ed illegalità senza che nessuno intervenga. Auspico che, dopo la protesta dei cittadini e l’esposto formulato l’amministrazione comunale, forze dell’ordine, prefetto e Procura intervengano per ripristinare la legalità e la sicurezza”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684