Ars: ridisegnata la mappa dei gruppi parlamentari - QdS

Ars: ridisegnata la mappa dei gruppi parlamentari

Raffaella Pessina

Ars: ridisegnata la mappa dei gruppi parlamentari

mercoledì 13 Ottobre 2010 - 00:00

Governo oggi riferisce su diritto allo studio e misure antidisoccupazione a scuola. Pdl, Futuro e libertà, Pd, Udc, Pid, PdS, e gruppo Misto

PALERMO – Il blocco della spesa della Regione, deciso nell’ultima riunione di Giunta a causa della crisi economica, ha scatenato nell’opposizione una ridda di polemiche a cominciare dal Pdl, con Salvino Caputo, che in una nota chiede a Lombardo dove siano finite le somme stanziate nel bilancio approvato in Aula. Caputo ha chiesto all’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, di riferire in commissione Attività produttive sull’operazione finanziaria che il Governo della Regione ha effettuato in questi sei mesi e per dimostrare una corrispondenza tra le entrate ed i capitoli di bilancio.
Secondo Caputo “Il presidente della Regione ha presentato al Parlamento un bilancio che era finalizzato a coprire il dissesto finanziario e adesso il blocco – ha concluso Caputo – sta danneggiando l’economia siciliana e gli imprenditori e gli artigiani che oggi vivono un momento drammatico, mentre i Comuni sono a rischio di dissesto finanziario”. Intanto lunedì scorso si è stretta a Palazzo dei Normanni l’alleanza tra il neonato Pid (Popolari Italia domani) e il Pdl. I componenti del nuovo gruppo politico sono fuoriusciti dall’Udc dopo il dissenso con il leader nazionale Pierferdinando Casini, che vede di buon occhio l’alleanza tra Udc e Pd in Sicilia. Nel corso di un incontro al quale erano presenti il guardasigilli Angelino Alfano, Carlo Vizzini (Pdl), il coordinatore regionale del Pdl Giuseppe Castiglione, il presidente del gruppo Pdl all’Ars Innocenzo Leontini e i rappresentanti del Pid, Saverio Romano (coordinatore nazionale), Domenico Nania e Rudy Maira, è stato stabilito di presentare come primo atto una mozione di sfiducia al Governatore articolata su dieci punti.
La nuova forza antigovernativa ha rivolto un appello ai finiani (che sono dalla parte di Lombardo)e a Gianfranco Miccichè (ex Pdl, ex Pdl Sicilia ora autonomo con un nuovo partito del Sud) a battersi contro il Governatore e la sinistra. È stata ribadita pure la possibilità di estromettere dalle giunte siciliane amministrate da Pdl e Pid sia l’Mpa che Fli.
E proprio Miccichè ieri pomeriggio ha presentato il nuovo gruppo all’Ars, che vuole essere la risposta della Lega Nord e diventare un partito a tutti gli effetti che rappresenti a tutti i livelli istituzionali le esigenze del Sud. I Fondi Fas infatti non sono ancora arrivati in Sicilia e il Governo a giorni otterrà dalla Cassa depositi e prestiti un mutuo da 862 milioni di euro per rimpinguare le casse. La Regione ha accumulato debiti per 4,6 miliardi di euro e che costano circa 742.000 euro al giorno di soldi pubblici. L’assessore all’Economia Gaetano Armao ha detto che si tratta di una eredità del passato e che la giunta si è trovata costretta a bloccare la spesa. Intanto questo pomeriggio in Aula si presenterà un’Assemblea Rinnovata nei gruppi parlamentari: ora sono presenti il Pdl, Futuro e Libertà, Partito Democratico, Unione di Centro, Partito Italia Domani, Partito del Sud, e il gruppo Misto. è ancora in vita il gruppo Sicilia, un tempo costola scissionista del Pdl, ora abbandonato dai deputati che hanno optato per il partito di Miccichè e per quello dei finiani.
All’ordine del giorno questo pomeriggio le comunicazioni del Governo sulle iniziative avviate per garantire il diritto allo studio e fronteggiare la crisi occupazionale che investe il settore della pubblica istruzione in Sicilia. Questa settimana sono anche state convocate tutte le commissioni legislative per riprendere, se i problemi politici ed economici lo consentiranno, l’attività legislativa a pieno ritmo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684