Antibiotici solo se necessari per non indebolire le difese - QdS

Antibiotici solo se necessari per non indebolire le difese

Elisa Latella

Antibiotici solo se necessari per non indebolire le difese

mercoledì 15 Dicembre 2010 - 00:00

Campagna lanciata dall’Agenzia italiana del farmaco per usarli con cautela

PALERMO – “Antibiotici, difendi la tua difesa. Usali con cautela”: è il gioco di parole che costituisce il titolo di una campagna lanciata dall’Agenzia italiana del farmaco e dall’Istituto superiore di Sanità, con il patrocinio del Ministero della Salute, diffusa in Sicilia tra l’altro da una nota del servizio regionale “Ioconsumatore” con l’obiettivo di informare i cittadini sull’importanza di ricorrere agli antibiotici solo quando necessario.
Un antibiotico non è proprio acqua fresca: occorre accertarne l’effettiva utilità, non interrompere mai la terapia prima dei tempi indicati dal medico o, comunque, solo dietro suo consiglio; infine è importante non assumere antibiotici per curare infezioni virali. La precauzione è indispensabile perché il consumo inappropriato ed eccessivo di antibiotici e il conseguente sviluppo dell’antibioticoresistenza in Italia e in tutti i Paesi europei, secondo l’Aifa espone al rischio di non poter disporre più in futuro di alcuna possibilità per curare per le infezioni. Secondo la nota dell’Agenzia: “La sospensione precoce della terapia è tra le principali cause di sviluppo delle resistenze, poiché uccide i batteri più deboli e “seleziona” quelli più forti. Raffreddore o influenza, per esempio, non rientrano tra le cause per cui sono indicati gli antibiotici, anzi assumerli in questi casi mette a rischio la salute favorendo lo sviluppo di germi resistenti.”
Per la prevenzione ed il controllo dell’epidemia stagionale d’influenza 2010-2011 il Ministero della Salute aveva diramato una circolare che, dopo aver descritto i sintomi del raffreddore in arrivo concludeva la lista degli avvertimenti e delle precauzioni, non a caso con le parole: “In ogni caso, consultate sempre il vostro medico e non assumete antibiotici di vostra iniziativa”. Resistere un po’ da soli ci rende più forti oggi e meno deboli domani.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684