Catania - Non basta un controllo ogni tanto per assicurare igiene e sicurezza - QdS

Catania – Non basta un controllo ogni tanto per assicurare igiene e sicurezza

Antonio Borzi

Catania – Non basta un controllo ogni tanto per assicurare igiene e sicurezza

venerdì 21 Gennaio 2011 - 00:00

Fumo e tavolini continuano a invadere pericolosamente la carreggiata. Le verifiche restano sporadiche. Bracieri di via Plebiscito: dopo il recente blitz tutto sta tornando come prima

CATANIA – Quello dei cosiddetti “arrusti e mangia”di via Plebiscito è un fenomeno dai molteplici risvolti e che negli anni ha visto alternarsi varie amministrazioni con diversi tentativi di intervento non sempre risolutivi.
In origine fu Mario Chisari a lanciare un’idea tanto rivoluzionaria sulla carta quanto velleitaria nella realtà. Per l’ex assessore al Commercio tutto si doveva risolvere con il carbon coke che, non causando particolari fumi con il suo utilizzo, avrebbe permesso agli operatori di predisporre i bracieri all’interno delle attività commerciali. Quasi nessuno si è adeguato alle disposizioni dell’era Chisari.
Con il nuovo assessore, Franz Cannizzo, si sta adesso cercando di intervenire sulla disposizione dei bracieri al di fuori delle attività commerciali, sull’invasione di tavolini in posizioni dalla pericolosità elevata e soprattutto sulla mai risolta questione igienica. Proprio riguardo a quest’ultimo punto, nei giorni scorsi è stato effettuato un intervento di controllo che ha coinvolto agenti dei vigili urbani, della Polizia e i reparti dell’Asp volti a controllare in modo adeguato il rispetto delle norme igienico-sanitarie.
“I recenti interventi – ha detto l’assessore Cannizzo – devono far capire come questo non sia stato soltanto un intervento sporadico. Vogliamo che sia messa la parola fine all’attività abusiva dei commercianti, che devono smetterla di arrostire la carne all’aperto in piena sede stradale”.
Dalle verifiche sono emerse evidentissime violazioni delle norme igienico-sanitarie, che come ha sottolineato lo stesso assessore spesso si nascondono anche dietro un grosso problema culturale.
“Bisogna smetterla – ha spiegato – di dire che a Catania si è sempre fatto così. Dietro questa frase si nascondono spesso i mali di una città che non accetta il cambiamento e giustifica i comportamenti illeciti”.
Tutte vere le argomentazioni di Cannizzo. Il problema è che i controlli come quello verificatosi nei giorni scorsi, nonostante le parole dell’assessore, restano rari. Lo dimostra anche il fatto che, dopo l’intervento, le cose stanno pian piano tornando come prima. Come dire, tanto rumore per nulla.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684