Gli imbrogli delle municipalizzate - QdS

Gli imbrogli delle municipalizzate

Alessandro Petralia

Gli imbrogli delle municipalizzate

giovedì 03 Febbraio 2011 - 00:00

Sprechi. Il pozzo senza fondo delle società pubbliche.
Investimenti negati. I fondi destinati alla realizzazione delle infrastrutture nel capoluogo siciliano sono stati dirottati per pagare gli stipendi dei dipendenti delle controllate comunali.
Gli autisti. Nel capoluogo etneo in arrivo una valanga di posti di lavoro, mentre i mezzi per il servizio di trasporto urbano sono lasciati a marcire e cadono letteralmente a pezzi.

CATANIA – Quello delle partecipate “mangiasoldi” non è certo un problema recente in Sicilia eppure le novità più recenti su questo fronte ci inducono ad affrontare il problema per l’ennesima volta. L’Amat a Palermo e l’Amt a Catania rappresentano lo specchio di questo fenomeno: due società controllate dai Comuni, che dovrebbero fornire servizi ai cittadini e invece non fanno altro che drenare fondi dalle casse comunali, sottraendoli agli investimenti in infrastrutture.
Tutto il contrario di ciò che avviene nei capoluoghi del Settentrione. A Milano e Torino, per esempio, i sistemi di trasporto pubblico sembrano chimere visti da qui: efficienza, investimenti e bilanci in attivo costituiscono una normalità così differente rispetto a quanto accade nei nostri capoluoghi, soffocati da un traffico che non vede alcuna via di sbocco a causa di scelte scriteriate. (continua)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684