Fondi Ue alla ricerca per l’utilizzo al sicuro dell’energia nucleare - QdS

Fondi Ue alla ricerca per l’utilizzo al sicuro dell’energia nucleare

Antonio La Ferrara

Fondi Ue alla ricerca per l’utilizzo al sicuro dell’energia nucleare

venerdì 25 Marzo 2011 - 00:00

I destinatari possono essere: istituti di ricerca, università, industrie, Pmi, potenziali utilizzatori finali. In totale a disposizione un budget di 41 milioni di euro. Bando sulla Guce

PALERMO – Nell’ambito del programma Ricerca e Innovazione – VII Programma Quadro Euratom (Ceea) concernente la fissione nucleare e radioprotezione – fp7-fission-2011-, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C225/11 del 20 agosto 2010 un invito a presentare proposte riferito per l’appunto al Settimo programma quadro della Comunità europea dell’energia atomica (Euratom) per le attività di ricerca e formazione nel settore nucleare (2007-2011).
L’obiettivo generale è quello di stabilire una solida base scientifica e tecnica per accelerare gli sviluppi pratici per la gestione sicura di lunga vita dei rifiuti radioattivi, per migliorare le prestazioni di sicurezza, l’efficienza delle risorse e dei costi-efficacia di energia nucleare e garantire un sistema solido e socialmente accettabile di protezione della popolazione e dell’ambiente contro gli effetti delle radiazioni ionizzanti.
Tra le attività finanziate ci sono le seguenti:
Fission-1: gestione dei rifiuti radioattivi:
• smaltimento geologico
• Suddivisione e trasmutazione
Reattore a fissione-2 Systems:
• Sicurezza e competitività degli impianti nucleari esistenti e futuri
• Sistemi avanzati nucleari per una maggiore sostenibilità
• Aspetti trasversali per impianti nucleari
• Sistemi avanzati per usi non elettrici dell’energia nucleare
Fission-3: Protezione dalle Radiazioni:
• Quantificazione dei rischi per esposizioni a basse dosi
• Gestione delle emergenze e riabilitazione
• Usi malevoli delle radiazioni o materie radioattive
• Altri temi
Fission-4: Infrastrutture:
• Sostegno alle infrastrutture
• Accesso alle infrastrutture
Fission-5: Risorse umane, mobilità e formazione:
• Formazione e mobilità dei ricercatori
Fission-6: Azioni trasversali:
• azioni trasversali
Fission-7: Cooperazione con paesi terzi
I progetti di Collaborazione (CP) devono essere sviluppati su scala media o piccola e attraverso Reti di eccellenza; i soggetti beneficiari generalmente sono consorzi formati da almeno 3 partecipanti di 3 diversi Paesi, della durata di 2-5 anni, se non specificato in altro modo dal bando. I soggetti più specificamente possono essere: istituti di ricerca, università, industrie, Pmi, potenziali utilizzatori finali.
Per le Azioni di Coordinamento e Supporto (Csa) – Azioni di Coordinamento (Ca) il requisito minimo è la partecipazione di 3 soggetti con personalità giuridica, provenienti da 3 Paesi diversi.
I soggetti possono essere: organizzazioni di ricerca, università, Pmi, managers e proprietari di programmi di ricerca (Era-Net e Research Infrastructure actions).
Infine per le Azioni di Coordinamento e Supporto (CSA) – Azioni di Supporto (SA) e Azioni di Coordinamento (CA) il requisito minimo è la partecipazione di un soggetto con personalità giuridica, se non specificato in altro modo dal bando. I soggetti possono essere: organizzazioni di ricerca, università, Pmi, managers e proprietari di programmi di ricerca (Eranet e Research Infrastructure actions).

Scade il 7 aprile 2011 il termine per presentare le domande
L’importo disponibile complessivo ammonta a € 41.000.000. Il budget complessivo è ripartito in questo modo: Fission-1: € 7.000.000; Fission-2: € 19.000.000; Fission-3: € 10.000.000; Fission-4,5 e 6: € 5.000.000.
Tutte le cifre di bilancio in questo programma di lavoro sono indicative, a condizione che gli stanziamenti previsti nel progetto di bilancio per il 2011 siano adottati senza modifiche da parte dell’autorità di bilancio. A seguito della valutazione delle proposte, il bilancio definitivo assegnato può variare fino al 10% del valore totale del bilancio indicato per ogni proposta.
Le proposte non conformi ai criteri di ammissibilità saranno respinte.
Il termine ultimo per presentare le proposte è il giorno 7 aprile 2011.
Per ulteriori e più dettagliate informazioni è possibile consultare i seguenti siti internet: http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.EuratomDetailsCallPage&call_id=348 e http://ec.europa.eu/research/participants/portal/.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684