In Cammino verso Santiago per raggiungere il Paradiso - QdS

In Cammino verso Santiago per raggiungere il Paradiso

Nicoletta Fontana

In Cammino verso Santiago per raggiungere il Paradiso

venerdì 25 Marzo 2011 - 00:00

Tre tappe di puro misticismo fino al santuario di Compostela

“Quando si va verso un obiettivo, è molto importante prestare attenzione al Cammino. È il Cammino che ci insegna sempre la maniera migliore di arrivare, e ci arricchisce mentre lo percorriamo”: il bello di fare un viaggio non è la meta, bensì il percorso che si fa per raggiungerla. Spesso il vero obiettivo sono le prove compiute durante il conseguimento di esso, ed è questo che arricchisce dell’esperienza colui che la vive. Paulo Coelho. Decidere di intraprendere questo cammino non è come dirlo. Le motivazioni che spingono sono diverse e tutte ricche di valori. Nell’antichità questo mistico percorso di 800 chilometri veniva affrontato in nome della fede, oggi è anche lo spirito di avventura, la scoperta di luoghi selvaggi e remoti, la natura, la cultura e i monumenti che si incontrano lungo la strada a farci decidere percorrere il cammino. Anche il modo con cui si pensa di attraversarlo è differente, c’è chi va a piedi lungo i sentieri indicati, chi in bici lungo le strade statali e chi a cavallo, in ogni modo il cammino lascerà un segno dentro di noi. Il cammino francese, ovvero il più popolare parte dalla Francia, attreversando i Pirenei da Roncisvalle alla volta della Castiglia, patria della Cattedrale Gotica e poi sino in Galizia, dove tra colline, chiesette di campagna e piccoli villaggi come O Cebreiro, faremo un tuffo nel medioevo, per un ultimo scatto fino a Santiago.
Il mio personale cammino affrontato con altre quattro compagne d’avventura tutte determinate a ottenere la famosa “indulgenza plenaria” è partito proprio da O Cebreiro.
INIZIO CAMMINO: O CEBREIRO – PORTOMARIN 67 Km
Questo piccolo villaggio dalle case in pietra e stradine in ciottolato custodisce la Chiesa dove nel lontano 1300 è avvenuto un miracolo. Il monaco che celebrava la messa non credeva alla reale presenza di Gesù nell’ostia consacrata e durante l’eucarestia il pane e il vino si sarebbero trasformati in carne e sangue sotto gli occhi increduli del monaco e dei fedeli. In sella alla nostre biciclette, sotto un’acqua torrenziale iniziamo il nostro cammino verso Santiago. Prima tappa a 70 km Portomarin. Lungo la strada è d’obbligo uno stop a Sarria per visitare la meravigliosa Cattedrale medievale. Un bicchiere di sidro e dopo altri 30 km eccoci a Portomarin. All’ingresso della cittadina una scalinata infinita ci costringe, come vuole la tradizione, a mettere la bici in spalla e salire uno per uno tutti i gradini fino all’apice della collina che segna l’ingresso alla cittadina. Nella piazza principale sarà d’obbligo entrare nella Chiesa di San Nicola. A questo punto del viaggio e prima ancora di una doccia un po’ di prosciutto Serrano sarà la ricompensa di tanto sforzo e fatica.
SECONDA TAPPA: PORTOMARIN – ARZUA 66 Km
Il cammino prosegue e la mèta si avvicina, ma le salite sono lunghe ed estenuanti, bisogna essere allenati e molto determinati. L’incontro con altri pellegrini da spinta e voglia di raggiungere Santiago. Attraversate colline, campagne, fattorie, boschi e paesi sperduti il viaggio “ad limina Sancti Jacobi”, si compie e con esso un sogno, un’avventura, e non sembra vero.
TERZA TAPPA: ARZUA – SANTIAGO 45 Km
Difendendo il silenzio degli ultimi sforzi in lontananza dal Monte Gozo appaiono le cupole della Cattedrale e il sogno è compiuto. Trovarsi davanti alla maestosità della Cattedrale, prodigio di fusione dell’architettura romanica con quella barocca ci emoziona fortemente. Al centro della navata San Giacomo sembra accogliere i pellegrini, ormai stanchi ma felici. Ma il cammino non è finito se non si percorrono altri 90 km fino Finsterre, poco lontano sulla coste dell’Atlantico dove si raccolgono le famose conchiglie, simbolo del cammino, a dimostrazione di averlo compiuto. Sulla scogliera davanti una croce, sotto il faro della punta si brucia un’indumento usato lungo il percorso in una cerimonia profondamente emozionante. E così il nostro viaggio finisce, ma per chi è così temerario da volere percorrerlo tutto e ricevere la “Compostela”, la dichiarazione del viaggio effettuato, deve sapere che oggi a differenza del passato sono sufficienti 100 chilometri a piedi e 150 in bicicletta. Chi parte deve avere una credenziale rilasciata dall autorità religiosa e farsela timbrare a ogni tappa percorsa e così all’ufficio del santuario si riceverà la Compostela, credenziale indispensabile per entrare in Paradiso.
Buon cammino!

INDIRIZZI UTILI

HOTELS

O Cebreiro
Hotel San Giraldo

Portomarin
Hotel Portomarin

Arzua
Hotel Suiza

Santiago
Hotel San Francisco Monumento

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684