Fiat chiude tra 7 mesi a Termini Imerese ma sul futuro non ci sono ancora certezze - QdS

Fiat chiude tra 7 mesi a Termini Imerese ma sul futuro non ci sono ancora certezze

Fiat chiude tra 7 mesi a Termini Imerese ma sul futuro non ci sono ancora certezze

mercoledì 04 Maggio 2011 - 00:00

Ieri ennesima riunione sindacale sulla credibilità delle proposte presentate per la riconversione dello stabilimento. Landini (Fiom): “L’impresa automobilistica non vada via se prima non ci sono intese reali”

TERMINI IMERESE (PA) – “Entro maggio va chiarita la credibilità e sostenibilità delle proposte presentate per Termini Imerese. Fiat dal canto suo deve adoperarsi per favorire soluzioni che garantiscano l’occupazione. Quel che è certo è che non aspetteremo passivamente, perché di tempo ne è già passato troppo”. Lo ha detto Maurizio Landini, segretario generale della Fiom, intervenendo ad un attivo dei lavoratori e dei delegati dello stabilimento siciliano e dell’indotto, ieri a Termini Imerese.
“Nei giorni scorsi – ha specificato Landini – abbiamo chiesto unitariamente al ministro Romani un tavolo al quale partecipino anche la Fiat e i soggetti che hanno presentato proposte. Noi pensiamo – ha aggiunto – che la Fiat non possa andare via se prima non ci sono intese che diano certezze e prospettive occupazionali e industriali”. A sostegno di queste posizioni, dunque di un’accelerazione del processo e del ruolo che deve avere la Fiat nel favorire proposte che diano garanzie occupazionali e industriali, il segretario della Fiom ha detto che proporrà agli altri sindacati iniziative unitarie.
“Ci sono 2.200 lavoratori dello stabilimento e dell’indotto che attendono risposte precise – ha rilevato Landini – e la Fiat non può venir meno alla responsabilità sociale. Consideriamo il mese di maggio decisivo – ha concluso – per la soluzione della vicenda”.
Secondo il sindaco di Termini Imerese, Salvatore Burrafato, che ha partecipato all’incontro promosso dalla Fiom, “la vertenza Fiat è ancora una questione aperta, l’accordo di programma siglato a Roma lo scorso febbraio, rappresenta un punto di partenza per conseguire l’obiettivo di mantenere i posti di lavoro attualmente presenti nel territorio con Fiat e l’indotto”.
Il primo cittadino, manifestando l’amarezza “per la situazione che il nostro territorio è costretto a vivere”, ha aggiunto: “Probabilmente è colpa di tutti, ma i lavoratori, le istituzioni, le forze sindacali hanno sinora rispettato un percorso stabilito, che ha portato agli incontri tenuti presso il ministero dello Sviluppo economico in cui si è discusso delle proposte avanzate da più parti per il rilancio industriale del territorio. Oggi siamo ancora senza uno scenario chiaro e definito. Appena qualche giorno fa, abbiamo chiesto al Governo regionale e al Parlamento siciliano – ha detto il sindaco – di considerare la possibilità di approvare una norma speciale per Termini Imerese che semplifichi le procedure burocratiche necessarie per consentire l’insediamento di nuove imprese e la realizzazione delle infrastrutture dell’area industriale termitana. Purtroppo abbiamo appreso con amarezza, che il dibattito parlamentare per l’approvazione della finanziaria regionale ha cancellato la nostra proposta. Il 31 dicembre è sempre più vicino e ciò deve indurre a passare dalla parole ai fatti”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684