Carceri con luci e ombre, visita del sottosegretario Giustizia - QdS

Carceri con luci e ombre, visita del sottosegretario Giustizia

Desiree Miranda

Carceri con luci e ombre, visita del sottosegretario Giustizia

sabato 08 Ottobre 2011 - 00:00

La Alberti Casellati ha incontrato Fleres, garante detenuti, e il direttore Tortorella. Nella struttura etnea di piazza Lanza 368 detenuti sopra capienza massima

CATANIA – “La casa circondariale di piazza Lanza è piena di luci e ombre. Le luci sono rappresentate dal personale e dal rapporto instaurato con i detenuti, dalla sala colloqui organizzata con rispetto della persona e della famiglia e dalle attività che qui si svolgono e che impegnano i detenuti manualmente, ma anche e soprattutto psicologicamente. Le ombre sono tutte nella struttura che è vecchia e in certi casi davvero brutta”. Così Maria Elisabetta Alberti Casellati, sottosegretario di stato alla Giustizia, subito dopo una visita nella struttura del carcere circondariale di piazza Lanza a Catania ieri mattina, nell’ambito delle visite per la verifica delle carceri italiane che soffrono di tante mancanze e per cui è stato dichiarato lo stato di crisi per il sovraffollamento. Insieme alla Casellati anche Salvo Fleres, garante dei diritti dei detenuti e il direttore del carcere Rosario Tortorella.
Non molto piacevoli le condizioni dei detenuti a Catania, quasi tutti in attesa di giudizio. In totale sono 588 a fronte di una capienza tollerabile di 220 persone e sono gestiti da 240 unità di personale, ma che a regime dovrebbero essere 350. Dalle 3 alle 10 persone nella stessa cella. Tutte piccole per il numero di persone che contengono tanto che a volte non c’è abbastanza spazio per i letti tutti rigorosamente a castello, alcune sono chiuse per problemi di inagibilità, altre si trovano in condizioni davvero disagevoli: circa quattro metri per due e mezzo, piene di umidità con crepe nei muri e non troppo pulite. Sono quelle del reparto Nicito, il reparto isolamento, dove lo spazio per l’ora d’aria è paragonabile a un pollaio. Il reparto Etna è invece quello della donne e l’Amenano quello in cui le celle sono più piene. Diverse le attività: dalla tessitura di tappeti all’informatizzazione informatica, dalla scuola per le licenze obbligatorie, alla creazione di icone votive una delle quali è stata donata da un detenuto al sottosegretario Casellati. “È un simbolo di rinascita per me” ha detto nel consegnargliela.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684