Maltempo, ora in Sicilia - QdS

Maltempo, ora in Sicilia

Rosario Battiato

Maltempo, ora in Sicilia

giovedì 27 Ottobre 2011 - 00:00

In Liguria e Veneto 5 vittime per l’eccezionale ondata di pioggia. Timori della Protezione civile per le zone alluvionate in passato

CATANIA – L’Italia continua a sprofondare. Bastano infatti le prime piogge autunnali per confezionare i soliti patemi nazionali. Dopo Liguria e Toscana, tormentate nei giorni scorsi, adesso Calabria e Sicilia sembrano le regioni prossime al rischio, visto che l’ondata di maltempo le raggiungerà nelle prossime ore. “Abbiamo delle preoccupazioni – dice il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli – anche perché ci sono zone particolarmente critiche e già interessate in passato da fenomeni alluvionali”.
La penisola tutta è un territorio ad altissimo rischio idrogeologico. Un classico ritornello che si ripete ormai da decenni, eppure, puntualmente, ogni anno, le piogge presentano un conto salatissimo. A volte il resoconto dei danni può diventare tragedia, come accaduto nel 2009 nel messinese, ma in generale le criticità del sottosuolo nazionale sono tali da poter trasformare ovunque qualsiasi nubifragio in realtà potenzialmente distruttiva. Certo ci sono le dovute differenze basate sulla preponderanza dell’antropizzazione o sugli strumenti di controllo urbanistici presenti in alcune aree e assenti in altre, ma nel complesso circa il 70% del territorio italiano è a rischio idrogeologico.
Complessivamente si tratta di una cifra incredibilmente alta pari a ben 5581 comuni, che rientrano, secondo dati Legambiente, nella categoria a rischio elevato. Numeri clamorosi che ancora non convincono la classe politica nazionale e locale ad agire nell’ottica della tanto decantata prevenzione, della quale si parla ormai da decenni senza che siano mai stati attivati strumenti adeguati o che sia aumentata la vigilanza sulla cementificazione selvaggia. Del resto siamo il Paese degli interventi ex post, in economia come in ambiente.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684