Alluvione 2009, accusa di Tranchida: “Sui fondi due pesi e due misure” - QdS

Alluvione 2009, accusa di Tranchida: “Sui fondi due pesi e due misure”

Alluvione 2009, accusa di Tranchida: “Sui fondi due pesi e due misure”

mercoledì 09 Novembre 2011 - 00:00

Montano le polemiche sul blocco di 160 milioni già assegnati al territorio messinese. L’assessore: Governo nazionale ostaggio e suddito della Lega

PALERMO – ‘”Consideriamo inaccettabile che il governo nazionale accolga supinamente la decisione della ragioneria generale di negare i fondi, già assegnati alla provincia di Messina, per l’alluvione di Giampilieri e Scaletta che due anni fa causò 37 morti e per le frane rovinose che hanno coinvolto il comune di San Fratello sui Nebrodi”.
Lo dichiara l’assessore al Turismo, sport e spettacolo della Regione siciliana, Daniele Tranchida che aggiunge: “la solerzia e l’impegno, doverosi e necessari, dimostrati all’indomani della recente tragedia in Liguria, (cinque terre e Genova) e in Lunigiana in Toscana, ci ricordano che servono precise scelte politiche di intervento a difesa e a tutela del territorio in tutta la penisola, da nord a sud senza eccezione alcuna”. “Non è però possibile – sottolinea Tranchida – che per eventi analoghi si utilizzino due pesi e due misure. Il mezzogiorno e la Sicilia in particolare, non possono più continuare a essere penalizzati da logiche nordiste, imposte da soggetti politici che fanno dell’esclusione e dell’ostilità tra regioni dello stesso paese, la loro unica bandiera e condizione di esistenza”.
“Il governo nazionale – conclude l’assessore Tranchida – deve quindi adoperarsi con forza e determinazione per far ritornare sui propri passi il braccio operativo del ministero dell’Economia, responsabile del blocco e smetterla di essere ostaggio e suddito della Lega. La memoria di quelle giornate tremende e il ricordo dei nostri morti, non consentono a nessuno di passare un colpo di spugna su quei tragici fatti luttuosi”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684