UniCt, anche a Chimica c’è il pericolo “chimico” - QdS

UniCt, anche a Chimica c’è il pericolo “chimico”

Stiben Mesa Paniagua

UniCt, anche a Chimica c’è il pericolo “chimico”

mercoledì 16 Novembre 2011 - 00:00

La denuncia arriva dal gruppo del Movimento studentesco catanese. Iannitti: “Ora tocca all’Università, deve intervenire”

I problemi alla cittadella universitaria catanese, sembrano davvero non aver mai fine. Questa volta parliamo di Chimica, precisamente del corpo D (edificio 1) che sarebbe affetto da contaminazioni di rifiuti speciali. Come ci spiega Matteo Iannitti del Movimento studentesco catanese: “L’edificio della facoltà di Chimica fino al 2011 non era agganciato alla rete delle acque nere, quindi veniva tutto scaricato al mare”.

“Fino agli anni novanta – continua – hanno denunciato molti degli studenti dell’epoca, a Chimica il meccanismo dello scarico dei rifiuti tossici era illegale, molto simile a quanto avveniva nella facoltà di Farmacia. Questo avveniva sia per negligenza, sia perché le normative non erano affatto chiare. E queste sostanze sarebbero dunque oggi riversate sul terreno sottostante la struttura”.

L’inquinamento del sottosuolo è confermato dall’architetto Daniele Leonardi Responsabile Lavoratori dell’Ateneo. A partire dall’ottobre 2009 si svolgono alcune campagne di indagine all’interno dell’Edificio 1 corpo D per valutarne il potenziale inquinamento. Nella prima campagna vengono analizzati i pozzetti, nei quali vengono trovati “residui molto pesanti e quantità rilevanti di sostanze come zinco, piombo, cadmio etc”.
E considerando che negli anni lo stabile è stato costantemente oggetto di allagamenti il rischio è che tutte queste sostanze risalgano su. Gli allagamenti in questione dipendono in caso di forti piogge dalla pendenza della strada e del cortile antistante, e dall’altro, dalla risalita all’interno delle tubature degli scarichi, i quali, a causa dell’eccessiva acqua, non riescono a defluire regolarmente.
“Dato che l’edificio di Chimica subisce degli allagamenti ed è comprovata la contaminazione del suo sottosuolo – conclude Iannitti – noi chiediamo all’Ateneo se l’acqua che risale è pulita o porta con sé tali sostanze. E allora quali sono le conseguenze per la salute degli studenti? Rimane da chiedersi perché l’edificio resti aperto e non si stia ancora provvedendo alla messa in sicurezza ed alla decontaminazione dell’intera area. Sarebbe una scelta razionalmente più efficace per la salvaguardia delle persone e dell’ambiente rispetto agli interventi tampone finora adottati. Ora tocca all’Università intervenire”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684