Rischio incendio per alberi di Natale - QdS

Rischio incendio per alberi di Natale

Stefano Di Mauro

Rischio incendio per alberi di Natale

mercoledì 21 Dicembre 2011 - 00:00

Le luminarie devono essere a norma: un vademecum elaborato dall’Osservatorio sicurezza sul lavoro di Vega engineering. In commercio si trovano prodotti facilmente surriscaldabili che possono essere causa di inconvenienti

CATANIA – “Luminarie natalizie non a norma, le forze dell’ordine sequestrano già da settimane la merce illegale in tutta Italia, ma laddove non è possibile intervenire è l’informazione del consumatore a rappresentare la sua tutela principale”.
Questo l’appello che giunge dagli esperti dell’Osservatorio Sicurezza Vega Engineering, la società mestrina che da oltre due decenni è in prima linea sul fronte della prevenzione degli incidenti provocati dagli impianti elettrici.
“Gli infortuni causati da luminarie difettose o da un comportamento scorretto nel trattarle, sono cronaca di ogni chiusura d’anno – proseguono all’Osservatorio – per questo abbiamo elaborato un vademecum ad hoc contenente otto regole per non incorrere in acquisti errati o in incaute installazioni fai-da-te”.
In commercio poi si trovano prodotti facilmente surriscaldabili che possono essere la causa dell’innesco di un incendio. E’ sufficiente un minuto, infatti, per vedere una stanza avvolta dalle fiamme per un corto circuito provocato dalle luminarie degli alberi natalizi.
E la premessa è che l’impianto fisso dell’abitazione sia a regola d’arte e munito di apposito interruttore differenziale (salvavita).
Gli alberi di Natale, di solito abeti, sono uno dei simboli più diffusi utilizzati durante le feste di Natale. Se si pensa anche alla sicurezza delle case e delle persone che vi vivono, però, si deve riflettere sul fatto che possono essere un potente mezzo di inizio o di propagazione dell’incendio. Le statistiche disponibili sugli incendi di abitazione dovuti a questo tipo di decorazione (dati di fonte prevalentemente statunitense) indicano che il rischio associato all’incendio di un albero di Natale è elevato se non si rispettano alcune norme di sicurezza di base. Queste regole sono semplici da ricordare ed anche da attuare. Se si tiene presente che un albero, per quanto secco, non può prendere fuoco da solo, si può facilmente mettere in sicurezza l’ambiente ed evitare che un albero di Natale diventi un pericolo.
In pratica, si deve evitare di porre nelle immediate vicinanze dell’albero quelle che si chiamano “fonti di innesco”. Candele, illuminazione elettrica potente e stufette devono essere abbastanza distanti da non poter mai riscaldare nessuna parte dell’albero. Poi, è necessario controllare che l’illuminazione elettrica posta sull’albero sia in buono stato (secondo noi, una buona regola per la sicurezza domestica è quella di sostituire elettrodomestici e dispositivi elettrici vecchi, anche se in apparenza ancora integri).
Ed ecco le otto regole di Vega Engineering
1) Evitare di acquistare prodotti “estremamente” economici. E’ probabile infatti che i produttori abbiano trascurato il fattore sicurezza
2) Preferire la presenza di un marchio di certificazione volontario (per l’Italia è il marchio IMQ)
3) Controllare che ci siano le istruzioni per l’uso
4) Per i prodotti da utilizzare all’esterno, è indispensabile verificare che il costruttore dichiari l’“uso esterno”
5) Prima di collegare le catene luminose è indispensabile accertarsi del buono stato di conservazione del prodotto (naturalmente non ci devono essere fili o spine danneggiati)
6) Evitare le spine multiple e preferire le “ciabatte” oppure una presa per ogni catena luminosa
7) Evitare che i fili rappresentino un ostacolo per il passaggio delle persone
8) Non utilizzare per lunghi periodi le catene luminose da interno, specialmente in assenza di persone.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684