La Sicilia affonda nelle discariche - QdS

La Sicilia affonda nelle discariche

Rosario Battiato

La Sicilia affonda nelle discariche

venerdì 27 Gennaio 2012 - 04:00

Servizi. Bilancio di oltre 10 anni di commissariamento.
Il confronto. Gli occhi della Commissione europea per l’ambiente rimangono puntati sulla gestione dei rifiuti in Campania. Confrontando i dati, però, la situazione in Sicilia appare in molti casi peggiore.
Il presente. Dopo oltre dieci anni di commissariamenti, a salvare l’Isola dai rifiuti è ancora lo smaltimento in discarica, ma prima o poi le vasche si esauriranno. La legge 9/2010 è inapplicata, di fatto non c’è il Piano.

PALERMO – Le cifre fanno impressione: oltre un decennio quasi ininterrotto di emergenza rifiuti, riforme bloccate a tutti i livelli, differenziata ai minimi nazionali e meno di un lustro di tolleranza delle discariche isolane con l’attuale ritmo di conferimento. Visti questi dati la Campania – due giorni fa il ministro Corrado Clini e il commissario Ambiente dell’Ue Janez Potocnik hanno stabilito di risolvere l’emergenza napoletana improrogabilmente entro giugno – sta decisamente meglio dell’Isola, che resiste solo in virtù di un meccanismo che favorisce il conferimento indifferenziato in discarica. Un affare da circa duecento milioni di euro (i costi di smaltimento variano da 59 a 159 euro a tonnellata) all’anno con una sola certezza: non potrà durare per sempre. Intanto proprio ieri la Corte dei conti ha bocciato la passata gestione del sistema dei rifiuti in Sicilia, definita dissennata e caratterizzata da illegalità. Considera invece lodevole la riforma introdotta con la legge 9/2010, anche se si tratta di una riforma solo teorica, visto che passati quasi due anni è ancora tutto fermo.
La Campania è vicina, si potrebbe dire adattando il titolo di un vecchio film di Marco Bellocchio allo stato dell’arte dei rifiuti in Sicilia. Anzi, sta pure meglio. (continua)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684