Toglieteci tutto, ma non il gas - QdS

Toglieteci tutto, ma non il gas

Rosario Battiato

Toglieteci tutto, ma non il gas

giovedì 09 Febbraio 2012 - 04:00

Energia. L’emergenza gas e gli approvvigionamenti.
Il gelo. La diminuita fornitura dalla Russia a causa delle avverse condizioni meteorologiche ripropone l’annosa questione dell’approvvigionamento di gas, proprio quando in Italia si registrano temperature polari.
La gelata. Se le peggiori aspettative saranno confermate, previsti distacchi alle forniture delle imprese. Un paradosso per la Sicilia, che per produzione e passaggio di gas è seconda regione in Italia.

Accade che ogni tanto l’emergenza gas si ripresenta al centro dell’agone mediatico. Ogni scusa è buona: dalle crisi delle primavere arabe fino alle guerre energetiche tra Russia e Ucraina. Di certo c’è che il problematico rapporto nazionale con il gas deriva dalla dipendenza energetica dall’estero da dove nel 2010 è giunto quasi il 93% del fabbisogno energetico del Paese. La Sicilia, anche in questo caso, si conferma un crocevia strategico dell’energia sia per la sua produzione su terraferma che per il passaggio da Gela e Mazara del Vallo di oltre la metà delle importazioni di gas. In quest’emergenza nazionale l’Isola corre il rischio di essere, per l’ennesima volta, il mulo energetico che si carica sulle spalle, cioè sul territorio e sui cittadini, le esigenze di un altrove nazionale, visto che il nord da solo consuma il 65,5% del quantitativo complessivo delle famiglie italiane.
Se dal Mediterraneo sta passando la salvezza energetica del Paese il merito è dell’Isola perché il gas naturale arriva in Sicilia dall’Algeria e dalla Libia per Mazara del Vallo e da Gela da cui passano rispettivamente il 35,6% e il 9% del gas che poi prosegue il suo percorso sulle rete nazionale. Stiamo parlando di 32.355 milioni di Smc (standard metri cubi). La soluzione delle centrali, invece, sarebbe assai preoccupante per una Sicilia che un animo verde non l’ha mai avuto e dove esistono ben 17 centrali termoelettriche a vapore, a gas o a ciclo combinato. Sarebbe l’ennesima beffa per il popolo siciliano che già contribuisce in maniera decisiva all’approvvigionamento. (continua)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684