Nuovi equilibri in vista verso il partito del Sud - QdS

Nuovi equilibri in vista verso il partito del Sud

Raffaella Pessina

Nuovi equilibri in vista verso il partito del Sud

giovedì 23 Luglio 2009 - 00:00

La Sicilia laboratorio di sperimentazione di nuove formule politiche. Per continue trattative con il Governo e gli enti locali

PALERMO – Si sposta sempre di più sul piano istituzionale e nazionale lo scontro fra le fazioni all’interno del Pdl.
Il sottosegretario ala Presidenza Gianfranco Miccichè, per rispondere alle polemiche sollevate da Roberto Calderoli della Lega ha dichiarato: “L’atteggiamento di Calderoli (commenti antimeridionalisti ndr) è la conferma di quello che diciamo da tempo e quindi uno stimolo ad accelerare il processo del partito del Sud. Ritengo che se questo atteggiamento non cambierà velocemente, fin dal prossimo voto di fiducia la maggioranza farà a meno di alcuni deputati”.
Questa idea di fondare un partito del Sud ha dato una scossa in Sicilia, un’isola che ha fatto spesso da laboratorio alla sperimentazione di nuove formule nazionali. Con l’Udc escluso dalla giunta (per allineamento con l’assetto nazionale) e un nuovo governo regionale costruito sull’alleanza tra Lombardo, i ribelli dell’ex Forza Italia che erano stati sospesi dai coordinatori nazionali del Pdl, e un sotterraneo appoggio di una parte del Pd. E’ un partito che si prepara a nascere da una costola del centrodestra in una compagine politica che potrebbe rivedere i propri equilibri in breve tempo.
Di qui la necessità dei fondatori del Partito del Sud di farsi trovare pronti, sia in contesti regionali che nazionali. L’idea del nuovo partitio del Sud prevede facce nuove, giovani, professionisti, manager e imprenditori. Quarantenni, trentenni e politici locali di successo , come l’assessore siciliano Cimino, sospeso dagli organi dirigenti nazionali del suo partito. Altro elemento forte del nuovo partitio del Sud dovrebbe essere il ministro Stefania Prestigiacomo, da sempre politicamente al fianco di Miccichè. Un partito che ha l’obiettivo di essere in continua trattativa con il governo e le amministrazioni locali di cui farà parte. E con una opposizione alla Lega Nord che ha spostato il baricentro politico verso le Alpi. con un progetto di sviluppo economico, sostenuto dai fondi europei, dalle idee innovative e dalla capacità d’iniziativa, fin qui frenate per vari motivi politici a favore del Nord.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684