Istat, in Sicilia aumenta la popolazione, ma non l’occupazione - QdS

Istat, in Sicilia aumenta la popolazione, ma non l’occupazione

Rosario Battiato

Istat, in Sicilia aumenta la popolazione, ma non l’occupazione

domenica 11 Marzo 2012 - 00:00

Il presidente dell’Istat e l’assessore regionale all’Economia Armao hanno presentato i dati definitivi 2010. La media nazionale sui residenti che lavorano è sotto di nove punti: tasso pari al 47,9%

PALERMO – La Regione in cifre. Enrico Giovannini, presidente Istat, e Gaetano Armao, assessore regionale all’Economia, hanno presentato in anteprima alcuni dei dati che riguardano la decima edizione dell’Annuario statistico della Regione siciliana.
Nel 2010 la popolazione residente nell’isola risulta pari a 5.051.075 abitanti (8,3% del totale nazionale), superiore di 8.073 unità a quella rilevata l’anno precedente. Il saldo migratorio in Sicilia si mantiene positivo e in crescita rispetto al 2009 (109.182 iscrizioni anagrafiche contro 101.207 cancellazioni).
Nello stesso anno di riferimento preoccupa il risultato che riguarda l’occupazione, ma non è una novità. Infatti il tasso misurato dall’Istat in Sicilia, pari al 47.9%, mantiene un forte scarto negativo rispetto alla media nazionale (56.9%). Nello stesso anno, il 47.6% delle famiglie dell’Isola ha dichiarato che la propria situazione economica è peggiorata rispetto al 2009 (quando la quota era pari al 56.3%), registrando un valore superiore rispetto al corrispondente dato a livello Italia (43.3%). Nonostante questi dati non sembrano prospettare tempi futuri particolarmente rosei, c’è ancora una flebile speranza, almeno nei pensieri del presidente dell’Istat.
“La Sicilia è una regione in difficoltà, – ha spiegato Giovannini – ma rispetto al resto d’Italia ha un’opportunità in più, cioè quella di utilizzare una straordinaria risorsa giovanile, normalmente molto ben formata, per nuove idee e nuovi sviluppi non soltanto in campo economico ma anche di tessuto sociale. Tessuto sociale che è fondamentale in una fase di difficoltà economica come quella attuale, dove è tutta la società e l’economia che progredisce o regredisce”. Inoltre, nel corso del suo intervento, agli studenti palermitani Giovannini ha lanciato una proposta all’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao: “Perché non facciamo insieme una scuola di ‘data journalism’ in Sicilia?”. Insomma, secondo il responsabile dell’autorevole istituto di statistica, proprio dalle nuove leve, che spesso si tramutano in “cervelli i fuga”, dovrebbe partire la rinascita economica e sociale dell’Isola.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684