“Segnali di un grande terremoto” - QdS

“Segnali di un grande terremoto”

Rosario Battiato

“Segnali di un grande terremoto”

venerdì 25 Maggio 2012 - 00:00

Ambiente. Il sisma in Emilia e i rischi in Sicilia.
I terremoti non si possono prevedere, ma “esperimenti di previsione” portati avanti da noti sismologi (non da tutti accettati) da mesi davano due importanti eventi proprio in Emilia e in un’area indefinita del Sud.
Studio. Esposto il 4 maggio in Commissione Grandi Rischi, lo studio lancia l’allarme su un’ampia zona. Uno degli algoritmi fa espressamente riferimento a Calabria e Sicilia.

CATANIA – L’Italia, com’è noto, è un Paese dove le criticità del territorio vengono affrontate strada facendo, sulla base dell’accadere dei disastri e indipendentemente dalle tragedie che si producono. La cosiddetta azione di prevenzione ex-post, un ossimoro che riassume la confusione sul fenomeno, è tornata in voga dopo i fatti in Emilia, dove domenica scorsa un sisma di magnitudo 6 si è abbattuto soprattutto su due province.
Adesso il pensiero si concentra sull’allarme rischio sismico anche al Sud, che era stato lanciato sin dal gennaio scorso dagli stessi sismologi di Trieste. Per la Sicilia, in particolare, ricorre anche il rischio aree sismiche in congiunzione con la presenza di stabilimenti petrolchimici senza una normativa nazionale che ne regolamenti la sicurezza in caso di terremoto.
Le scosse non si possono prevedere come fossero temporali. Questo è certo. Tuttavia ci sono determinati studi, basati sul calcolo di algoritmi, che possono prevederne l’eventualità. (continua)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684