A Palermo asili nido comunali pronti il sette settembre - QdS

A Palermo asili nido comunali pronti il sette settembre

redazione web

A Palermo asili nido comunali pronti il sette settembre

sabato 25 Luglio 2020 - 13:47

Asili nido e scuole dell’infanzia, che interessano bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, a Palermo, sono pronti per l’apertura il prossimo sette settembre.

Il Comune, di fronte all’emergenza post Covid, non vuol farsi trovare impreparato e da lunedì prossimo pubblicherà nel suo sito internet e nel portale della scuola le graduatorie provvisorie degli ammessi, quelle che di solito venivano pubblicate a marzo.

“Abbiamo deciso di dare qualche certezza alla famiglie, non è giusto lasciarle in attesa, contiamo di far ripartire i servizi, anche se si attendono dal governo nazionale le linee guida e i protocolli sanitari che si dovranno rispettare”, dice l’assessora comunale alla scuola Giovanna Marano, che in mattinata ha incontrato i giornalisti nell’asilo ‘Aquilone’ assieme alla capo area Marianna Fiasconaro. I posti per bambino 0-3 anni negli asili nido comunali sono complessivamente 870, che vanno in 26 strutture, a fronte di 22.497 residenti; mentre nelle altre sezioni della scuola dell’infanzia sono 780. Al momento i confermati sono 441, i nuovi inserimenti 405, 535 in lista d’attesa per una ventina di posti. Subito a scuola i riconfermati, dopo l’innesto dei nuovi ammessi.

“Dopo sei mesi senza scuola, dobbiamo immaginare la possibilità di ricostruire la continuità educativa di cui i nostri bambini hanno bisogno – osserva Marano -. Siamo davanti a una situazione inedita, i bambini devono ritrovare la loro socialità. Sappiamo che il distanziamento è impossibile, ma in attesa delle linee guida tracceremo famiglie ed educatori. Serve un patto di corresponsabilità per il rispetto delle regole. Spero che il criterio stabilito dai protocolli sanitari sia quello della temperatura: escludere i bambini con un po’ di raffreddore renderebbe impossibile per le famiglie accedere al servizio”.

Due fasce orarie per evitare assembramenti in ingresso e uscita: 7,30-13,30 e 8-14.

“Verrà misurata la temperatura – continua Marano – si giocherà molto a lavare le manine. Al governo però oltre alle linee guida chiediamo nuovi strumenti, risorse e deroghe per assumere tutte le educatrici, i servizi vanno potenziati”, conclude.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684