A Palermo contratto di solidarietà per 250 dipendenti Amat - QdS

A Palermo contratto di solidarietà per 250 dipendenti Amat

redazione

A Palermo contratto di solidarietà per 250 dipendenti Amat

martedì 31 Marzo 2020 - 17:05
A Palermo contratto di solidarietà per 250 dipendenti Amat

Sono 250 i lavoratori Amat per i quali scatterà il contratto di solidarietà per via dell’emergenza Covid-19. Dal 12 marzo, data in cui sono stati sospesi i servizi, saranno nove le settimane di solidarietà per addetti alla vendita biglietti, verificatori, ausiliari del traffico, addetti alla segnaletica, al car sharing, al servizio rimozione, abbonamenti e il personale adibito in alcune postazioni alla vendita titoli di viaggio e abbonamenti.

A sancirlo, un accordo siglato da azienda e sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl. L’azienda di trasporto di Palermo accederà dunque al fondo bilaterale che dovrà farsi carico di corrispondere le risorse utili per le retribuzioni dei lavoratori delle attività attualmente sospese a causa dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. Secondo l’accordo l’azienda anticiperà le retribuzioni per il periodo delle nove settimane previste dalla copertura del fondo.

Contestualmente, i sindacati hanno chiesto ad Amat che si faccia carico delle eventuali integrazioni salariali a favore dei dipendenti interessati dalla sospensione dei servizi. “Ci rendiamo conto – hanno affermato i sindacati di Amat, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl – della drammaticità della situazione che stiamo vivendo, ma non possiamo che sollecitare ancor più attenzione sulla situazione economico-finanziaria di Amat, che è già sofferente a causa dei tagli regionali applicati al Tpl locale, delle incertezze e ritardi dei trasferimenti delle risorse regionali e comunali oltre che delle dotazioni aziendali ancora frutto di contenziosi col socio unico, Comune di Palermo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684