A Palermo uno sportello multi-culturale per ascoltare il disagio dei cittadini - QdS

A Palermo uno sportello multi-culturale per ascoltare il disagio dei cittadini

redazione

A Palermo uno sportello multi-culturale per ascoltare il disagio dei cittadini

martedì 21 Luglio 2020 - 00:00

Siglato il protocollo d’intesa tra la cooperativa Osa e l’Amministrazione comunale
Nel capoluogo un aiuto in più per chi vive in condizioni di marginalità

PALERMO – È stato firmato a Palermo il protocollo d’intesa tra la cooperativa Osa e l’Amministrazione comunale per la realizzazione della sportello multidisciplinare e multi-culturale di ascolto del disagio, una rete a sostegno dei cittadini in condizioni di marginalità.

Il presidente di Osa, Giuseppe Milanese ha dichiarato: “Nell’ottica di un servizio integrato di sostegno al disagio, lo sportello di ascolto aperto nel capoluogo siciliano è un altro dei modi con cui Osa intende assicurare ausilio alla comunità nazionale. Siamo molto orgogliosi di questo risultato, conseguito per altro in tempi ragionevolmente brevi con il concorso delle istituzioni a dimostrazione che la cooperazione può svolgere un’opera sussidiaria assai preziosa in sinergia con lo Stato”.

“L’iniziativa – ha aggiunto una nota di Osa – nasce dall’esperienza dello sportello di ascolto di Roma, fortemente voluto da Papa Francesco, e vede coinvolti anche a Palermo i medesimi attori: la Fondazione Sapientia Mundi, la cooperativa socio-sanitaria Osa, l’Istituto per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani e l’alleanza dei Comuni d’Italia. L’obiettivo è quello di istituire anche in Sicilia una rete nel nome della sussidiarietà, dell’impegno e dell’accoglienza”.

Il protocollo biennale, sottoscritto dall’assessore alla cittadinanza sociale. Giuseppe Mattina, insieme all’amministratore delegato di Osa, Massimo Proverbio, verrà attivato nelle prossime settimane.

“Fin da subito – ha spiegato Mattina – il Comune ha apprezzato lo spirito sussidiario e concreto dello Sportello, un esempio efficace di connubio tra pubblico e privato, molto ricercato da que-sta amministrazione. Proprio in quest’ottica, lavoreremo per dare diffusione sul territorio delle attività del-lo Sportello”.

Amalia Allocca della direzione Programmazione della Cooperativa Osa, ha sottolineato il modello di intervento integrato tra sanitario e sociale capace di rispettare, in piena sicurezza, le differenze culturali e religiose. “Un modello che è la giusta coniugazione tra gli aspetti sociali e sanitari in cui i soggetti coinvolti, Osa per l’ambito sanitario e il Comune di Palermo per quello più prettamente sociale, finalmen-te ragionano all’unisono”, ha evidenziato.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684