Addio a Franco Battiato, la salma in Calabria, dove sarà cremata - QdS

Addio a Franco Battiato, la salma in Calabria, dove sarà cremata

redazione web

Addio a Franco Battiato, la salma in Calabria, dove sarà cremata

mercoledì 19 Maggio 2021 - 22:17

Nel Cosentino, dove esiste un centro privato che garantisce un servizio immediato, al contrario di quelli pubblici di Palermo e Messina. Poi le ceneri torneranno a Milo, dove si sono svolti i funerali


Sarà cremato in Calabria, a Carpanzano, piccolissimo comune in provincia di Cosenza dove è in funzione l’unico centro crematorio privato presente tra Calabria e Sicilia, il corpo di Franco Battiato, morto ieri all’età di 76 anni nella sua casa di Milo, in provincia di Catania.

Nella città etnea non esiste un centro crematorio, mentre due centri pubblici si trovano a Palermo e a Messina, ma, a quanto pare, non hanno tempi immediati.

La salma di Battiato, dopo i funerali in Sicilia, è giunta a Carpanzano dove, per sua espressa volontà, si procederà alla cremazione.

Successivamente le ceneri dell’artista in un’urna torneranno a Villa Grazia dove ha trascorso gli ultimi anni della sua vita.

I cancelli di villa Grazia a Milo, un paesino sull’Etna, si erano aperti questa mattina solamente per pochi amici che hanno potuto partecipare alla ‘veglia di preghiera’ per Battiato.

A salutare uno dei più grandi artisti contemporanei stamane si è alzata dal cratere di Sud-Est una grande fontana di lava, che tutti hanno subito chiamato ‘La fontana di Franco Battiato’.

Come se anche il vulcano volesse rendere omaggio con la sua forza e la sua energia alla forza e all’energia di un grande uomo. Fuori dalla villa una cinquantina di persone sono venute a dare l’ultimo saluto al ‘Maestro’.

A destra del piccolo cancello un foglio di carta, coperto da alcuni omaggi floreali, con la citazione di una delle sua canzoni più celebri, ‘La cura’: ‘Ora guarirai da tutte le malattie’.

La prima ad arrivare è stata la cantante catanese Carmen Consoli, seguita da Alice. Poi i sindaci di Milo e Riposto, quest’ultimo paese natale di Battiato (allora si chiamava Jonia), Alfio Cosentino ed Enzo Caragliano, che hanno voluto salutare il concittadino illustre.

Nel paese alle pendici dell’Etna che Battiato aveva scelto come dimora stamane è stato proclamato il lutto cittadino.

“Franco Battiato – ha detto Cosentino – era un genio ed era geniale in tutto quello che faceva e oggi per Milo, ma per il mondo della cultura in generale, è un giorno di grande tristezza”.

Caragliano ha annunciato che Riposto gli intitolerà una grande piazza di fronte al mare.

Anche Catania lo ricorderà intitolandogli il suo Lungomare, dove verrà anche realizzata da artisti della street art un’immagine di Battiato, come ha annunciato oggi il sindaco Salvo Pogliese.

Alla cerimonia funebre privata che si è svolta nella villa hanno partecipato diversi musicisti legati a Battiato da una lunga amicizia e collaborazione artistica: il compositore Roberto Cacciapaglia, i cantautori Yuri Camisasca e Giovanni Caccamo, il cantante Luca Madonia.

Quest’ultimo ha accettato di scambiare qualche battuta con i giornalisti. “Franco non ha mai avuto paura della morte, lo sapeva, lo aveva sempre detto nei suoi brani che siamo tutti di passaggio. Basta, non fatemi aggiungere altro” ha commentato senza riuscire a trattenere la commozione.

Padre Orazio Barbarino, parroco di una chiesa di Linguaglossa, anch’egli presente alla cerimonia, ha detto che durante la funzione molti amici di Battiato sono voluti intervenire per ricordare il ‘maestro’. Come sono intervenuti alcuni monaci buddisti.

“Franco era tutto, era anche cristiano. Come presbiteri abbiamo raccolto il suo messaggio, ovvero che lui non è morto: la morte è solo un passaggio. Franco è passato da una stanza ad un’altra” ha detto il sacerdote sottolineando il carattere ecumenico della cerimonia, in linea con la profonda spiritualità dell’artista.

Erano circa le 12.30 quando, terminata la veglia, l’auto con il feretro ha lasciato la villa tra gli applausi. Le persone in lacrime non si contavano.

Tanti hanno sussurrato ‘ciao Franco’.

La salma è poi partita per Crapanzano.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x