Agenzia del Demanio “Patrimonio pubblico chiave per la ripartenza” - QdS

Agenzia del Demanio “Patrimonio pubblico chiave per la ripartenza”

Raffaella Pessina

Agenzia del Demanio “Patrimonio pubblico chiave per la ripartenza”

mercoledì 15 Luglio 2020 - 00:00
Agenzia del Demanio “Patrimonio pubblico chiave per la ripartenza”

L’idea di Antonio Agostini, direttore Agenzia Demanio, "Tecnologia, strumento per la sua valorizzazione"

ROMA – L’Agenzia del Demanio ha organizzato un incontro dedicato all’impiego delle tecnologie spaziali e digitali per la valorizzazione del patrimonio pubblico. Lo scopo del workshop è stato quello di avviare un confronto tra le istituzioni e la comunità scientifica ed industriale per valorizzare il patrimonio pubblico attraverso una evoluzione tecnologica.

“Abbiamo cercato di offrire idee e proposte – ha detto Antonio Agostini, direttore dell’Agenzia del Demanio – per andare a incontrare la nuova programmazione europea che scommette sulla duplice transizione ecologica e digitale dell’Europa”. Alessandro Foggia, direttore centrale governo del patrimonio dell’Agenzia del Demanio, ha ricordato il “patrimonio molto variegato” che gestisce l’agenzia e che ammonta a “circa 61 miliardi di euro”, mentre Stefano Mantella, direttore centrale strategie immobiliari e innovazione, sottolineando i “diversi passaggi” del processo, ha spiegato che bisogna “arrivare a una visione dinamica, all’immobile-valore”. Massimo Gambardella, direttore centrale servizi al Patrimonio, da parte sua, ha evidenziato che occorre “passare dalla conoscenza amministrativa statica a una conoscenza tecnica dinamica degli immobili”. “Il patrimonio pubblico – ha affermato Antonio Misiani, viceministro dell’Economia – non è e non può essere un bancomat per fare cassa. Dovremo avviare un percorso di riequilibrio dei conti pubblici ma non sarà il patrimonio pubblico la leva su cui costruire questo risanamento. È invece un elemento fondamentale di sviluppo del nostro Paese”. Per Misiani sono necessari censimento, conoscenza e massimizzazione dell’uso delle tecnologie digitali e spaziali per una migliore valorizzazione. Per Carlo Sibilia, sottosegretario al ministero dell’Interno, la digitalizzazione è “possibile e necessaria, l’Agenzia del demanio può evolvere la propria funzione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684