Al ristorante con una dose di vaccino, da settembre ne serviranno due - QdS

Al ristorante con una dose di vaccino, da settembre ne serviranno due

web-dr

Al ristorante con una dose di vaccino, da settembre ne serviranno due

web-dr |
giovedì 22 Luglio 2021 - 11:27

Secondo quanto riferisce un ministro all'Agi, Draghi sarebbe determinato a emanare un decreto con queste indicazioni prima che le nuove infezioni "esplodano" come in altri Paesi europei.

“Ormai abbiamo imparato a conoscerlo. Sta accumulando dati e informazioni, poi ci illustrerà il decreto…”. Un ministro non nega che il lavoro sul green pass sia tutto nelle mani del premier Draghi.

Riferisce che il presidente del Consiglio si sta rapportando con gli altri leader europei e con il mondo scientifico, che poi metterà sul tavolo un modello che si avvicina a quello del presidente della Repubblica Macron, anche se sarà più soft.

Modello Macron ma più soft

Ormai è deciso che si andrà per fasi. Per poter cenare al chiuso servirà aver fatto una prima dose di vaccino, poi a settembre ne saranno necessarie due. Al momento il provvedimento varrà solo per l’immediato. Ovvero per mettere nero su bianco i criteri per partecipare ai grandi eventi, come concerti e discoteche, oppure come comportarsi negli spazi chiusi e nei viaggi a lunga percorrenza. Per quanto riguarda la scuola e il trasporto pubblico se ne parlerà più avanti.

Pochi margini per i partiti

I partiti hanno preso posizione ma ci sono pochi margini per mettersi di traverso. Draghi è determinato ad agire prima che la curva dei contagi salga a livello degli altri Paesi europei. Prima è previsto il confronto con le regioni che fanno scudo sulla possibilità di applicare il green pass anche alle zone bianche e poi si aprirà una vera interlocuzione con i partiti.

La Lega rivendicherà la possibilità di riaprire le discoteche ma Salvini resta fortemente contrario a un sistema che nelle intenzioni dell’esecutivo deve premiare chi ha esposto il braccio per la siringa. (AGI)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684