Alluvione di Messina, Musumeci chiede lo Stato d'emergenza - QdS

Alluvione di Messina, Musumeci chiede lo Stato d’emergenza

redazione web

Alluvione di Messina, Musumeci chiede lo Stato d’emergenza

giovedì 13 Agosto 2020 - 00:07
Alluvione di Messina, Musumeci chiede lo Stato d’emergenza

La Giunta regionale avanzerà la proposta al Governo nazionale. Stamattina, ha annunciato Musumeci, la riunione per deliberare lo Stato di calamità per i danni causati dal nubifragio di sabato scorso. Gli effetti della Legge 13

Nella seduta della Giunta regionale in programma stamattina, “sarà deliberato lo Stato di calamità per i danni causati, nei giorni scorsi, dall’alluvione” abbattutosi sulla città di Messinese e sull’hinterland.

La Giunta, contestualmente, “avanzerà al governo nazionale la richiesta dello stato di emergenza”.

Lo ha reso noto il presidente della Regione Nello Musumeci, aprendo ieri il vertice organizzato a Palazzo Orleans con i sindaci dei cinque Comuni maggiormente colpiti dal nubifragio di sabato scorso: Messina, Barcellona Pozzo di Gotto, Terme Vigliatore, Rodì Milici e Castroreale.

“Quello della provincia di Messina – ha sottolineato il governatore – è un territorio fortemente danneggiato, a causa anche dell’abusivismo selvaggio e della mancata manutenzione. Il mio governo, consapevole di questo, ha destinato il sessanta per cento delle risorse della Struttura contro il dissesto idrogeologico a questa provincia”.

“Non è la prima volta – ha aggiunto – che si contano i danni in quelle realtà e non sarà l’ultima se non lavoreremo fin da subito per eliminare alcune cause, legate anche alla mancata pianificazione del territorio e a una disordinata crescita urbanistica”.

Per coordinare gli interventi, il Presidente ha disposto la creazione di un Tavolo operativo tecnico che sarà intanto diretto dal capo del Genio civile di Messina e composto dai rappresentanti degli enti regionali preposti alla materia e dei Comuni.

Musumeci ha dato incarico sempre al Genio civile peloritano di redigere i progetti di sistemazione che riguardano i Torrenti Longano, Patrì e Mazzarrà (per la parte non compresa nel cantiere già in corso) che attraversano numerosi Comuni dell’hinterland barcellonese e di accelerare le procedure che vedono opere già finanziate.

Dal vertice è emerso che, da una prima disamina, servirà un centinaio di milioni di euro per gli interventi da realizzare.

“Contestualmente alla richiesta dello stato di emergenza a Roma – aggiunge il presidente – applicheremo per la prima volta l’articolo 3 della legge regionale 13 di quest’anno, che prevede l’autonoma nomina di un commissario per lo stato di crisi e di emergenza regionale. Per le risorse necessarie occorre una riprogrammazione dei fondi comunitari, che avvieremo con la massima urgenza, ricorrendo, se necessario, a un apposito intervento parlamentare”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684