Animali macellati senza controlli sanitari, 8 misure cautelari in Calabria - QdS

Animali macellati senza controlli sanitari, 8 misure cautelari in Calabria

redazione

Animali macellati senza controlli sanitari, 8 misure cautelari in Calabria

giovedì 03 Dicembre 2020 - 11:22

E’ di otto misure cautelari a carico di sei veterinari ufficiali in servizio presso l`azienda sanitaria provinciale di Crotone e due gestori di uno stabilimento di macellazione carni in Strongoli, nel crotonese, il bilancio dell’operazione dei carabinieri per la tutela della salute di Napoli e dei comandi provinciali di Crotone, Cosenza e Reggio Calabria. I provvedimenti sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Crotone nell’ambito di un’indagine su animali macellati senza controlli sanitari.

Sequestrati anche stabilimenti e allevamenti per un valore di oltre 1 milione di euro. Perquisizione in 18 allevamenti delle province di Crotone, Cosenza, Reggio Calabria i cui titolari sono stati deferiti all`autorità giudiziaria.

Il provvedimento prevede l’applicazione di 8 misure cautelari a carico di altrettanti soggetti – tra cui 6 veterinari ufficiali in servizio presso l’Asp di Crotone – ritenuti a vario titolo responsabili dei reati di accesso abusivo a sistema informatico, falsità ideologica commessa da pubblici ufficiali in atti pubblici, ricettazione, abuso d’ufficio, omissione di atti d’ufficio, contraffazione di sostanze alimentari, commercio di sostanze alimentari nocive e diffusione di malattie infettive animali.

In particolare, i provvedimenti adottati riguardano due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei gestori di uno stabilimento di macellazione carni sito in Strongoli (KR); quattro ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e due ordinanze di sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio a carico di altrettanti veterinari ufficiali dell’Asp di Crotone, in servizio nei distaccamenti di Cirò Marina e Roccabernarda.

Le indagini, avviate nel 2019 dopo una segnalazione interna al Servizio Veterinario, e svolte dal Nas di Cosenza sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, hanno riguardato l’intera filiera delle carni (bovine, suine ed ovi-caprine) nel crotonese ed hanno interessato, oltre ai destinatari dell’odierna misura cautelare, anche 14 allevatori di bestiame, nei cui allevamenti i carabinieri eseguito perquisizioni, anche con ricognizione aerea con “droni” in dotazione al Comando Carabinieri per la Tutela della Salute.

Le indagini hanno consentito di ricostruire come i veterinari indagati, al fine di procurare ingiusti vantaggi patrimoniali agli allevatori, ponessero in essere una gravissima serie di omissioni e di atti contrari ai doveri del proprio ufficio quali l’attestazione di profilassi anti-tubercolosi mai avvenute, l’alterazione dei prelievi di sangue effettuati su capi suini al fine di consentirne la macellazione, l’intermediazione nell’illecito traffico di marche auricolari, spesso appartenute ad animali deceduti e successivamente apposte ad altri capi abusivi al fine di sanarne l’illecita posizione, o ancora l’inserimento e la revoca di false denunce di smarrimento di animali.

E’ emerso anche che i Pubblici Ufficiali coinvolti utilizzavano in maniera distorta l’Anagrafe Zootecnica informatizzata, in cui venivano registrati dati completamente avulsi dalla realtà ed inseriti al solo fine di regolarizzare i traffici commessi dagli allevatori indagati.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684