Appello dei creditori Cmc a Stato e Regione “Raggiungere intesa politica super partes” - QdS

Appello dei creditori Cmc a Stato e Regione “Raggiungere intesa politica super partes”

redazione

Appello dei creditori Cmc a Stato e Regione “Raggiungere intesa politica super partes”

giovedì 18 Aprile 2019 - 00:00

CATANIA – Trovare una soluzione rapida al dramma delle imprese e dei lavoratori coinvolti nella crisi della Cmc di Ravenna. è l’appello a Stato e Regione del Comitato creditori siciliani della Cmc, de sindaco e del vescovo di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo e mons. Mario Russotto, che si offrono come mediatori per un incontro fra il premier Conte e il governatore Musumeci per “raggiungere un’intesa politica super partes su una soluzione tecnica già individuata”.
“Il premier Conte – si legge nell’appello – ha dichiarato che lo scopo del proprio mandato è quello di riaccendere la fiducia dei cittadini italiani nelle istituzioni. Le oltre 100 imprese siciliane creditrici da due anni della Cmc di Ravenna, i loro 2.500 dipendenti senza stipendio da mesi e le vaste comunità di cittadini coinvolte nei disagi creati dal mancato completamento del raddoppio della Agrigento-Caltanissetta e della Palermo-Agrigento nonché della metro di Catania, si fidano delle istituzioni”.

“Ora – scrivono nella nota il Comitato creditori siciliani della Cmc, il sindaco e il vescovo di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo e mons. Mario Russotto – auspichiamo che i ministeri dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture, di concerto con Anas e Regione individuino una definitiva soluzione tecnico-giuridica da inserire nella conversione in legge del decreto Sblocca-cantieri che consenta il saldo in tempi brevi di tutti i crediti pregressi e il completamento in sicurezza delle opere da realizzare”.

“Auspichiamo la massima collaborazione – conclude l’appello – per trovare una soluzione del problema. Per questo facciamo appello alle note doti di pacatezza, saggezza, senso delle istituzioni e attenzione per i bisogni dei cittadini costantemente espresse dai Presidenti Conte e Musumeci perché accettino di incontrarsi e di trovare un’intesa politico-istituzionale che restituisca in tempi brevissimi a questa vasta porzione d’Italia la speranza in un futuro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684