Ars e Regione, tutta la verità sui costi dei palazzi d’oro - QdS

Ars e Regione, tutta la verità sui costi dei palazzi d’oro

Raffaella Pessina

Ars e Regione, tutta la verità sui costi dei palazzi d’oro

mercoledì 09 Ottobre 2019 - 07:01

Chiarezza sui dati diffusi dal presidente Micciché. A Palazzo d’Orléans non undicimila ma 12.970 dipendenti. E un esercito di precari. Non tagli ma aumenti di stipendio dei dipendenti

PALERMO – Continua la polemica mediatica senza esclusione di colpi tra il presentatore della trasmissione “Non è l’Arena”, Massimo Giletti, e il Presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché.
Nostra intenzione non è entrare nel merito della polemica quanto piuttosto fare chiarezza sui dati diffusi da Micciché nel corso della puntata andata in onda su La7 domenica scorsa e che riguardano l’Ars e la Regione siciliana, sia in termini di dipendenti che di costi.

Numero dipendenti. Micciché sostiene che i dipendenti di Palazzo d’Orléans siano 11.000. Non è così: nel 2015 erano 16.341, nel 2017 erano 14.921 (in entrambi i casi la fonte è la Corte dei Conti); nel 2018 sono scesi a 12.970 (fonte: Piano fabbisogno del personale della Regione siciliana).
A questi bisogna aggiungere l’esercito dei precari, difficile da quantificare perché in verità su questo fronte ci sono stime e non dati certi. La Ragioneria generale dello Stato ne individua 10.257, ma in realtà sarebbero molti di più. La voce più consistente del precariato pubblico siciliano è rappresentato dal nutrito gruppo dei circa 22.000 forestali. A seguire i 5.300 Asu, poi i 2.800 ex Pip, oggi stabilizzati e dal primo gennaio 2019 assunti alla Resais, società controllata al 100% dalla Regione siciliana. A questi si devono aggiungere anche i circa 15 mila precari degli enti locali e il personale che gravita in società controllate dalla Regione: insomma, un piccolo esercito, e soprattutto un grande bacino elettorale, di oltre 50.000 unità. Facendo una somma di tutti coloro che ricevono soldi dall’Amministrazione regionale si arriva ad un vero e proprio esercito di circa 90 mila unità, ripetiamo, cifra non certa, ma che si avvicina alla realtà e ben distante dalle undicimila unità di cui ha parlato Micciché.

Taglio stipendi ai dipendenti della Regione. A “Non è L’Arena”, il presidente dell’Ars Micciché ha detto che i dipendenti sono diminuiti perché avendo subito un taglio agli stipendi hanno scelto la pensione. Non è così. Il nuovo contratto collettivo firmato lo scorso maggio ha messo nero su bianco un aumento medio in busta paga di circa 75 euro lordi mensili oltre ad “incentivi” per la mobilità. A ciò si aggiunga che di questo aumento non si sentiva affatto il bisogno dal momento che i dipendenti della Regione siciliana guadagnano in media 30.988 euro l’anno contro i 27.288 dei dipendenti delle Regioni a statuto ordinario e i 30.140 dei ministeriali (dati della Ragioneria generale dello stato che si riferiscono all’anno 2017). Micciché probabilmente si riferiva al luglio 2014, quando è stato fissato il tetto agli stipendi dei dipendenti a 240 mila euro all’anno e primo fra tutti ha deciso di andare in pensione il segretario generale dell’Ars, Sebastiano Di Bella, per non vedersi intaccata la sua pensione, e dopo di lui se ne sono andati diversi altri dirigenti, lasciando così libere le posizioni di vertice. Ma questo è storia dell’Ars, non della Regione come ha affermato Micciché.

Costi Ars. Micciché domenica scorsa ha detto che il costo di Palazzo dei Normanni è di 146,5 milioni, ma la lettura di questo dato ci fa pensare che egli non tenga conto dei vitalizi e delle pensioni agli ex dipendenti, a carico di Palazzo dei Normanni. Ma anche se fosse costato la cifra che ha dichiarato il suo presidente, si tratta comunque di molti soldi, paragonati a quelli che vengono spesi dalle altre regioni italiane e non solo. Spesso viene portata a motivazione di questa eccessiva spesa anche il costo che viene affrontato per la manutenzione di Palazzo dei Normanni, patrimonio dell’Unesco. Ma la manutenzione di fatto è un costo del Palazzo d’oro e, pertanto, non può essere ignorato. Che piaccia o meno a Micciché.

Tag:

Articoli correlati

6 commenti

  1. la volpe ha detto:

    Miccichè ha smesso di prendere in giro i siciliani……

  2. La rana nomi ha detto:

    Siamo stanchi delle menzogne della classe politica siciliana. Alle prossime elezioni voteremo meglio.

  3. La rana nomi ha detto:

    Miccichè …..buone braccia rubate all’agricoltura

  4. la non nullità ha detto:

    Miccichè ha mentito non ha nessuna intenzione di tagliare i vitalizi. Buone braccia rubate all’ippica.. Deve andare fuori dalla politica.

  5. il puffo ranomo ha detto:

    Vergogna………….farebbero di tutto pur di non perdere il loro denaro………e non pensano ai poveri….la sicilia è la regione più povera d’italia…….

  6. il puffo corrupto ha detto:

    La farsa continua ….ora aboliscono il vitalizio solo per 5 anni e solo del 10% invece di adeguarsi alla legge nazionale……al solito cambia tutto per non cambiare nulla dozzinali….come al solito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684