Autonomia: Musumeci, va bene se non si tocca il fondo perequativo - QdS

Autonomia: Musumeci, va bene se non si tocca il fondo perequativo

redazione

Autonomia: Musumeci, va bene se non si tocca il fondo perequativo

mercoledì 15 Maggio 2019 - 18:59
Autonomia: Musumeci, va bene se non si tocca il fondo perequativo

Il Governatore, "Se dovessimo ricevere dallo Stato quello che ci deve da settant'anni diventeremmo un Eldorado: non abbiamo avuto riconosciute almeno quattro norme dello Statuto, in gran parte quelle finanziarie"

“Il regionalismo differenziato non ci fa paura. Noi l’autogoverno lo abbiamo già su alcune materie, la stessa cosa fanno le regioni del Nord, l’importate è che non venga messo in discussione il fondo perequativo”.

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, nel giorno della festa dell’Autonomia.

“Dobbiamo evitare – ha aggiunto Musumeci – che chi è ricco diventi sempre più ricco e chi è povero sempre più povero. Il principio di solidarietà, il richiamo che fa Mattarella a una comunità coesa e solidale, significa che dobbiamo mantenere il fondo perequativo per aiutare le regioni più deboli ma noi non abbiamo nessuna difficoltà che alcune regioni del nord possano vedersi riconosciute autonomie su alcune specifiche materie”.

In materia fiscale, Musumeci ha sottolineato che “rientra nel più generale contesto della riforma delle autonomie, in parte rimasta inapplicata”.

“Se dovessimo ricevere dallo Stato – ha rimarcato Musumeci – quello che ci deve diventeremmo un Eldorado. Per settant’anni lo Stato è stato predatore nei confronti della Sicilia, non abbiamo avuto riconosciute almeno quattro norme dello Statuto, in parte quelle finanziarie, alcune di gestione come quelle delle forze di polizia. Ci è stata negata l’Alta Corte e quindi il diritto a potere controllare la legittima delle leggi senza ricorrere agli organismi centrali”.

Per il Governatore serve “meno centralismo romano e più vera e autentica autonomia che non deve essere l’alibi per fare porcherie come è accaduto molto spesso nel passato, ma un’autonomia che serve a cogliere le opportunità che la Costituzione ci offre per recuperare questo divario. che ancora purtroppo rimane con le regioni del Nord”.

Un commento

  1. Domenico Zuccarotto ha detto:

    Il Presidente Musumeci ha detto tutto senza dire niente. Fuori i dati, le cifre, i mancati provvedimenti ed anche gli sprechi locali e nazionali. I Siciliani voglio sapere per capire e possibilmente agire e/o reagire.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684