Bancarotta, sequestrati centri commerciali gestiti da cinesi - QdS

Bancarotta, sequestrati centri commerciali gestiti da cinesi

redazione

Bancarotta, sequestrati centri commerciali gestiti da cinesi

giovedì 20 Giugno 2019 - 14:13
Bancarotta, sequestrati  centri commerciali gestiti da cinesi

Sono sette, valgono complessivamente otto milioni di euro e si trovano in diversi importanti Comuni della Sicilia. Sigilli della Guardia di Finanza a Palermo, Bagheria, Carini e Siracusa. Le "distrazioni patrimoniali"

La Guardia di Finanza palermitana ha sequestrato cinque società e sette centri commerciali a Palermo, Bagheria, Carini e Siracusa gestiti da cinesi.

Il valore dei beni è di otto milioni di euro.

Il provvedimento preventivo d’urgenza è stato emesso dalla procura di Termini Imerese (Palermo).

E’ stato disposto anche il sequestro “per equivalente” per un importo complessivo di circa 2,5 milioni di euro.

I rappresentanti legali delle società tutti cinesi sono accusati di reati di bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e auto-riciclaggio.

Le indagini sono scattate in seguito al fallimento di una catena operante nel settore dell’abbigliamento e altri prodotti non alimentari, con sede a Bagheria che aveva prodotto nel tempo un volume di fatturato pari a diversi milioni di euro. E’ stata ricostruita la galassia societaria che faceva capo ai proprietari dell’impresa fallita.

Questa, “attraverso sistematiche e pianificate distrazioni patrimoniali, – affermano – avevano di fatto sostituito l’impresa con nuove società continuando a operare senza interruzioni”.

Secondo questo meccanismo, gli indagati, sempre secondo l’accusa, “accompagnando” al fallimento la società originaria, sono riusciti a sottrarsi al pagamento dei debiti maturati nel tempo nei confronti di fornitori, dell’erario e di alcuni dipendenti, nonché “a schermare la formale proprietà dei beni del complesso aziendale della società fallita, impedendone così l’aggressione da parte dei creditori”.

Il provvedimento d’urgenza è stato emesso per interrompere questo meccanismo e tutelare i creditori e l’erario.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684