Bilanci previsione, in Sicilia solo 32 Comuni su 390 in regola - QdS

Bilanci previsione, in Sicilia solo 32 Comuni su 390 in regola

web-mp

Bilanci previsione, in Sicilia solo 32 Comuni su 390 in regola

web-mp |
sabato 29 Maggio 2021 - 16:35

I termini per i documenti di previsione scadono il 31 maggio. Tra i comuni siciliani in regola, l'unico capoluogo è quello di Messina

A due giorni dalla scadenza fissata al 31 maggio, soltanto 32 Comuni siciliani, su 390, hanno finora approvato i bilanci di previsione 2021-23. Tra questi, l’unico capoluogo è Messina.

La stessa scadenza è prevista per i documenti contabili delle ex Province, ma solo Trapani ha dato seguito all’approvazione.

Una proroga al 31 luglio è prevista unicamente per i Comuni che hanno incassato anticipazioni di liquiditàm uno slittamento, autorizzato da un decreto del 25 maggio, così recente che ancora non è stata compilata la lista degli enti che ne potranno usufruire.

I 32 Comuni “virtuosi” (nessuno nell’Ennese e nel Nisseno) sono Cattolica Eraclea, Lucca Sicula, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro e Santa Margherita di Belice e Siculiana nell’Agrigentino; Aci Bonaccorsi, Gravina di Catania, Maletto, San Gregorio di Catania e Sant’Agata li Battiati nel Catanese; Castell’Umberto, Messina, Rometta, San Marco d’Alunzio, Santa Lucia del Mela, Ucria nel Messinese; Altavilla Milicia, Campofelice di Fitalia, Camporeale, Ciminna, Ganci, Isnello, Piana degli Albanesi, Pollina, San Mauro Castelverde nel Palermitano; Vittoria nel Ragusano; Canicattini Bagni, Cassaro, Melilli e Priolo Gargallo nel Siracusano; Santa Ninfa nel Trapanese.

In caso di mancata approvazione dei bilanci, e in assenza di proroghe, la Regione manderà dei commissari ad acta nei Comuni inadempienti.

Qualora i bilanci dei commissari fossero respinti dai Consigli comunali, la legge prevede lo scioglimento degli enti.

Intanto, l’Anci Sicilia, che ieri sera ha riunito a distanza un centinaio di sindaci, ha avviato una mobilitazione chiedendo ai governi nazionale e locale “un confronto serio e serrato”.

I primi cittadini lamentano, la rigidità legislativa che impone agli enti locali, tra l’altro, il rilevante accantonamento di fondi per i crediti di scarsa esigibilità.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684