Bimbo morto dopo parto in strada, Razza, "Sciacalli sui punti nascita" - QdS

Bimbo morto dopo parto in strada, Razza, “Sciacalli sui punti nascita”

web-la

Bimbo morto dopo parto in strada, Razza, “Sciacalli sui punti nascita”

web-la |
martedì 07 Dicembre 2021 - 13:39

Lo ha detto l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, oggi a Catania, a margine dell’inaugurazione del Pronto Soccorso dell’ospedale San Marco

I punti nascita in Sicilia? “Più che di polemiche parlerei di sciacallaggio”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, oggi a Catania, a margine dell’inaugurazione del Pronto Soccorso dell’ospedale San Marco.

C’erano state roventi polemiche dopo che il bimbo di una donna di Mistretta era morto dopo essere stato partorito in autostrada, visto che l’ospedale più vicino (Patti) era troppo distante.

“Qualche cialtrone ha anche detto che la responsabilità – ha aggiunto Razza – era della Regione. Per fortuna ieri ho potuto dimostrare, atti alla mano, che la deroga per esempio del punto nascita di Sant’Agata di Militello non è stata concessa dal Comitato del percorso nascita nazionale. Io voglio sperare, invece, che si possa riattivare presto non solo quel punto nascita, ma che possano essere gestiti in sicurezza. Questo significa consentire alla regione di realizzare gli investimenti che ha programmato in Sicilia e significa anche dare na sicurezza territoriale”.

“Poi – ha sottolineato – non mi piace mai mettere in correlazione le scelte di programmazione con i fatti di cronaca. Perchè i fatti di cronaca scuotono l’opinione pubblica ed è giusto che sia così, ma poi devono essere anche inquadrati nella responsabilità concreta e bisogna verificare quali sono le responsabilità eventualmente connesse anche a disfunzioni di ordine amministrativo. Noi abbiamo la certezza – ha concluso – che in questi anni ne abbiamo ristrutturati tanti affrontando anche una criticità di personale significativamente alta. Garantire sicurezza nei punti nascita vale più di ogni altra cosa”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684