Bonus idrico, come cambiare i rubinetti di casa a costo zero, in attesa del click day - QdS

Bonus idrico, come cambiare i rubinetti di casa a costo zero, in attesa del click day

web-dr

Bonus idrico, come cambiare i rubinetti di casa a costo zero, in attesa del click day

web-dr |
giovedì 11 Novembre 2021 - 12:22

C’è ancora un mese e mezzo di tempo per utilizzare il bonus Idrico (chiamato anche bonus rubinetti). Rimborso sino a mille euro per spese effettuate nel 2021.

C’è ancora un mese e mezzo di tempo per utilizzare il bonus Idrico (chiamato anche bonus rubinetti).

Per favorire il risparmio di risorse idriche è riconosciuto un bonus di 1.000 euro alle persone fisiche, residenti in Italia, che sostituiscono su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari

  • i sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto
  • la rubinetteria, i soffioni e le colonne doccia con nuovi apparecchi a flusso d’acqua limitato.

Le spese valide per ricevere il bonus

In particolare, l’agevolazione è riconosciuta per le spese sostenute per

  • la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti
  • la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

È possibile utilizzare il bonus fino al 31 dicembre 2021.

L’agevolazione non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva ai fini dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).

Come effettuare la domanda per richiedere il rimborso

Dopo aver verificato i requisiti richiesti e aver fatto l’accesso al sito del MITE con SPID o CIE, l’utente sarà rimandato su una specifica piattaforma web (sviluppata da Sorgei), in cui dovrà continuare con la propria registrazione e autentificazione.

Cittadini in attesa della piattaforma e del click day

Dal ministero della Transizione ecologica ci fanno sapere che la piattaforma sarà pronta entro il 23 dicembre (entro 60 giorni dalla pubblicazione della Legge che ha introdotto il Bonus, Decreto MITE 27 settembre pubblicato in Guri il 23 ottobre). Per i primi giorni sarà solo consultabile, quindi entro la metà di gennaio 2022 ci sarà il famigerato click day (dovrebbe essere intorno al 15 gennaio, ci dicono dal Mite) in cui tutti i cittadini saranno chiamati a registrarsi per ottenere il rimborso (sino a mille euro).

Le risorse disponibili, lo ricordiamo, sono 20 milioni. Le richieste saranno evase in ordine di arrivo e il rimborso dovrebbe avvenire entro 30 giorni.

Come registrarsi alla piattaforma e quali dati sono necessari

Prima di procedere, la piattaforma richiederà i dati anagrafici (nome e cognome) e il codice fiscale del beneficiario. Dati che saranno autenticati attraverso il metodo SPID o Carta d’Identità Elettronica.

Una volta che il sistema avrà accertato l’autenticità dei dati, dovrete compilare delle dichiarazioni sostitutive di autocertificazione, in cui dovrete procedere con l’inserimento dei seguenti dati:

  • nome, cognome, codice fiscale;
  • importo delle spese sostenute per i lavori sopra indicati (importo totale fino ad un massimo di 1.000 euro se persona fisica);
  • quantità del bene e specifiche della posa in opera o installazione;
  • specifiche tecniche, per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, oltre a specifica della portata massima d’acqua (in l/min) del prodotto acquistato;
  • identificativo catastale dell’immobile (Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella, Subalterno) su cui è stato eseguito l’intervento;
  • non avere usufruito di altre agevolazioni fiscali per le medesime spese.

L’utente, inoltre, oltre a dichiarare di non aver usufruito di altre agevolazioni fiscali per le stesse spese, dovrà allegare alla domanda per richiedere il bonus anche una copia della documentazione commerciale e una copia della fattura dei lavori sostenuti. Il sistema procederà con l’accoglimento delle domande seguendo l’ordine temporale di ricezione.

Come ricevere il bonus

Dopo che i requisiti per procedere all’avanzamento della richiesta bonus saranno stati verificati, il rimborso sarà accreditato direttamente sull’IBAN del beneficiario indicato nella domanda presentata. Non sarà suddiviso in più rate, ma verrà versato direttamente sul conto in un’unica soluzione.

Dario Raffaele

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684