Capodanno, a Catania festa per Antonio, il primo nato in Sicilia - QdS

Capodanno, a Catania festa per Antonio, il primo nato in Sicilia

redazione web

Capodanno, a Catania festa per Antonio, il primo nato in Sicilia

venerdì 01 Gennaio 2021 - 09:34
Capodanno, a Catania festa per Antonio, il primo nato in Sicilia

Il prof. Ettore, primario dell'ospedale in cui ha visto la luce, "Un commovente segnale di speranza, ora vacciniamoci e battiamo la pandemia". I feriti per i botti e le condizioni atmosferiche: arcobaleni e sole su tutta l'Isola

“Dopo un anno tanto pesante soprattutto per noi medici e paramedici, festeggiare l’arrivo del 2021 con la nascita di Antonio è stata una grande gioia, un commovente segnale di speranza”.

Lo ha detto al Qds.it il prof. Giuseppe Ettore, primario del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Garibaldi Nesima di Catania, dove alle 00.01, è venuto al mondo, con un parto naturale, il piccolo Antonio, il primo siciliano nato in questo 2021.

Il piccolo è stato subito consegnato alla madre che lo ha stretto al seno.

“Festeggiamo – ha aggiunto Ettore – questa nascita per la rinascita, scacciando tutti insieme la pandemia: ieri mi sono vaccinato e invito tutto il personale sanitario a farlo. Sia per senso di responsabilità, sia perché dobbiamo al più presto tornare tutti alla normalità”.

A Catania settemila dosi di vaccino

Proprio ieri mattina, ha reso noto l’Asp di Catania, sono state consegnate all’Ospedale Gravina di Caltagirone settemila dosi di vaccino e, dopo lo stoccaggio, parte della fornitura è stata trasferita nell’Ospedale di Giarre, da dove è partita la fornitura iniziale per gli ospedali di Acireale, Biancavilla e Paternò.

Sul fronte sanitario, intanto, a Palermo sono riprese le attività nel Maria Eleonora hospital dopo il focolaio del 17 dicembre scorso.

E, purtroppo, in tutta la Sicilia, anche se in diminuzione, negli ospedali sono finite diverse persone ferite dai botti.

Il maggior numero di interventi dei Vigili del fuoco, quest’anno, per problemi legati ai botti è stato registrato nel Lazio, con 45 chiamate (lo scorso anno furono 171).

Nella triste classifica seguono Campania con 40, Puglia con 24, Veneto con 19, Lombardia con 18, e Sicilia con 17.

Licata, due uomini perdono le mani

Tra i feriti siciliani più gravi, due persone di Licata (Ag), un ventenne e un sessantenne, che hanno entrambi perso una mano a causa dei botti di fine anno.

Il sessantenne è ricoverato nel reparto di chirurgia dell’ospedale licatese “San Giacomo d’Altopasso”, mentre il giovane è stato trasferito, già durante la notte, al “San Giovanni di Dio” di Agrigento.

Tra i feriti siciliani anche un giovane che a Vittoria, nell’Ibleo, è rimasto ustionato dall’esplosione di alcuni petardi che da un’auto stava lanciando in strada.

Uno dei petardi è esploso prima di essere lanciato dal finestrino e ha innescato a bordo un’esplosione a catena.

Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Sole e arcobaleni sulla Sicilia

Sul fronte meteorologico, nonostante la temperatura si sia abbassata, in Sicilia il 2021 è cominciato con un bel sole.

E ieri nell’arcipelago delle Eolie, sul quale, dopo un Natale “estivo” si era abbattuto il maltempo addirittura con la neve, l’arcobaleno aveva annunciato il ritorno del bel tempo.

Ma, per effetto della pandemia, insolitamente per questo periodo dell’anno, le isole sono poco frequentate e i collegamenti marittimi ridotti.

Ieri in mattina da Milazzo per Vulcano, Lipari e Salina hanno viaggiato solo due navi della Siremar.

Prive di collegamenti, invece, le altre isole.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684