Caporalato: a Marsala sottopagava, e palpeggiava, le dipendenti romene, condannato - QdS

Caporalato: a Marsala sottopagava, e palpeggiava, le dipendenti romene, condannato

redazione

Caporalato: a Marsala sottopagava, e palpeggiava, le dipendenti romene, condannato

sabato 18 Maggio 2019 - 01:03

Non contento di sfruttare, sottopagandoli, alcuni braccianti agricoli e alcune lavoratrici extracomunitarie romene, violentava le donne.

Queste le accuse mosse ad un imprenditore agricolo di Marsala, Giuseppe Bilardello, di 67 anni, che davanti al gip Francesco Parrinello ha patteggiato una condanna a un anno e 10 mesi di reclusione.

Secondo l’accusa, i braccianti sarebbero stati impiegati nei campi fino a 70 ore a settimana nella coltivazione e raccolta di ortaggi, con una paga giornaliera di 35 euro. Tre donne, inoltre, sarebbero state spesso palpeggiate.

A una di loro, poi, l’imprenditore agricolo avrebbe proposto la regolarizzazione lavorativa in cambio di prestazioni sessuali.

I fatti contestati sarebbero stati commessi a Marsala e nel comune di Petrosino tra settembre 2016 e agosto 2017.

A far scattare il procedimento penale è stato un controllo dell’Ispettorato del lavoro. Cinque (due uomini e tre donne) i braccianti individuati come vittime.

Due di loro, un uomo e una donna, si sono costituiti parte civile.
Ad assisterli sono stati gli avvocati Ottavio Brocato ed Elisa Demma, che dopo la condanna di Bilardello hanno commentato:
“Questa sentenza rende giustizia ai nostri clienti, Tocitu Adrian e Zecheru Elena, che per tanto tempo sono stati costretti ad accettare condizioni di lavoro inumane e paghe inferiori alla metà del dovuto”.

I legali hanno, inoltre, preannunciato l’imminente inizio di azioni legali per il risarcimento danni e vertenze di lavoro.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684