Carta di Palermo, Stancanelli lancia asse sindaci - QdS

Carta di Palermo, Stancanelli lancia asse sindaci

web-la

Carta di Palermo, Stancanelli lancia asse sindaci

web-la |
venerdì 03 Dicembre 2021 - 19:39

E’ stata definita “la Carta di Palermo” il documento programmatico con cui sono state sintetizzate le istanze emerse nel convegno ”Gestione dei rifiuti per lo sviluppo dei territori.

Opportunità e buone pratiche nel contesto europeo” organizzato a Palermo dall’eurodeputato Raffaele Stancanelli (FdI) e al quale hanno partecipato sindaci, amministratori pubblici e tecnici: ‘la Carta di Palermo” sarà consegnata al governo Musumeci e ai futuri governi della Sicilia “per immaginare un sistema virtuoso dei rifiuti che avvicini l’Isola agli esempi gestionali europei”.

Nel documento viene auspicata la “promozione di un inter parlamentare teso a riformare ed emendare in senso migliorativo la legge vigente in materia, al fine di rendere più efficienti sia i procedimenti di realizzazione degli impianti sia del procedimento di gestione dell’intero ciclo dei rifiuti”. “Il percorso della riforma della legge attuale si ritiene maggiormente percorribile, a fronte dell’attuale percorso intrapreso dall’attuale governo regionale, il cui disegno di legge, pendente dal giugno 2018, non ha trovato allo stato l’approvazione dell’Ars”, si legge. Si invoca “di realizzare una filiera completa all’interno della Regione siciliana che inizi con la produzione del rifiuto fino all’utilizzo della materia prima secondaria prodotta, ovvero fino al recupero del rifiuto e alla sua trasformazione in altro prodotto o energia”. “E’ antieconomico pensare di mandare fuori dall’isola ogni tipo di rifiuto – si legge – La circolarità e la sostenibilità devono essere integrate in tutte le fasi della catena del valore per raggiungere un’economia completamente circolare: dalla progettazione alla produzione, fino al consumatore. La raccolta differenziata è importantissima ma è solo un anello della filiera. In altre parole, servono tutti gli impianti: gli impianti di selezione; gli impianti di compostaggio e/o digestione anaerobica per la valorizzazione della frazione umida; la discarica (perché rifiuto zero non esiste, la discarica deve ricevere il rifiuto indifferenziabile, i sovvalli e altri residui); gli impianti/industrie che trasformano materia prima secondaria (carta, plastica, vetro, tessuti) in prodotto; sviluppo di impianti digestione anaerobica; produzione fanghi da depurazione; bonifiche siti inquinati e ampliamento siti discariche”. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684